Piccoli gesti d’amore quotidiani rafforzano il rapporto di coppia

Serenità e felicità sono i principali obiettivi di ogni coppia. Senza di essi ha senso stare insieme? Da questa domanda parte la riflessione su cosa aiuti il “buon umore” della coppia. Più dettagliatamente: la soddisfazione e la gioia che si provano a vivere una storia d’amore; o più genericamente: una relazione sentimentale. Purtroppo non tutti

Serenità e felicità sono i principali obiettivi di ogni coppia. Senza di essi ha senso stare insieme? Da questa domanda parte la riflessione su cosa aiuti il “buon umore” della coppia. Più dettagliatamente: la soddisfazione e la gioia che si provano a vivere una storia d’amore; o più genericamente: una relazione sentimentale. Purtroppo non tutti amano allo stesso modo e non tutti lo sanno dimostrare: ergo, prima ancora di giungere a qualche conclusione negativa affrettata sul nostro partner, è importante sapere che tipo di persona abbiamo accanto.

Tuttavia molti studiosi della psicologia comportamentale ritengono che i piccoli gesti d’amore quotidiani favoriscono il buon andamento della vita di coppia. “Mica è una novità”, dirà qualcuno di voi. Infatti non è una novità nemmeno a mio modo di vedere e di vivere la coppia. Però è vero anche che non tutti sono capaci di dimostrare i propri sentimenti… ovviamente a danno della relazione. E pare che a molti nemmeno importi più di tanto, ma qui si tratterebbe di raccontare un’altra storia.

Sulle pagine della rivista “Personal Relationships” uno studio spiega come le piccole attenzioni nei confronti del partner aiutino a mantenere alto il grado di soddisfazione in una relazione sentimentale. La ricerca è stata condotta dalla studiosa Sara Algoe dell’Università del North Carolina che ne ha pubblicato i risultati solo in questi giorni dopo aver testato 65 coppie. Ai volontari è stato chiesto di segnare su un diario l’andamento delle giornate, l’altalena tra soddisfazione e frustrazione nella coppia e cosa accadeva durante la giornata. La conclusione è stata la seguente: la gratitudine nei confronti del partner a seguito di piccole o grandi attenzioni, aiuta a mantenere un elevato grado di soddisfazione.

Anche piccole incombenze, come occuparsi dei bambini per lasciare al partner un momento di pausa oppure portare al proprio partner una tazza del suo caffè preferito sono esempi di come piccole e grandi attenzioni possano aumentare il sentimento della gratificazione“, ha spiegato la Algoe.

Tuttavia, secondo le parole della studiosa, la gratitudine che si prova per piccole gentilezze da parte del partner non è sufficiente a far durare una relazione, anzi: “la gratitudine scatena una serie di reazioni, come ad esempio il sentirsi in obbligo di restituire il favore, che possono anche modificare il rapporto tra due persone e non necessariamente in meglio“.

Certamente non basta no la gratitudine a mandare avanti una coppia, però dimostrare i propri sentimenti (se e quando ci sono) è importantissimo ed è cura per ogni coppia. Non vedo modo migliore se non iniziare proprio dai piccoli gesti quotidiani. Parlare di “favori” quando si ha a che fare con i sentimenti è triste e asettico. Lui porta a casa fragole e ciliegie per preparare, il giorno dopo, la colazione sminuzzandole nella tazza una a una. Mi devo sentire in dovere di “restituire il favore”? Lui è triste e nervoso. Lo vado a trovare per stare con lui nel bene e nel male, e gli porto un ovetto Kinder (le sorprese gratificano NdR). Deve sentirsi in colpa di “restituirmi il favore”? Fa ridere al solo pensiero… se è così, forse c’è qualcosa che non va.

Occorre ricordarsi una grande verità che spesso sfugge: tutto quello che viene dal cuore è spontaneo, non fa rumore ed è sempre ben fatto. Il resto lasciatelo a qualcun altro.

Ultime notizie su Psicologia

Tutto su Psicologia →