Microcredito, un affare da donne

Dopo l'attribuzione del premio Nobel per la pace 2006 al banchiere del Bangladesh Muhammad Yunus e alla sua Grameen Bank, l'attenzione mediatica si è rivolta al microcredito, un sistema per finanziare i progetti economici delle fasce più povere della popolazione mondiale.

Forse non tutti sanno però che questo sistema funziona tanto meglio quando i prestiti vengono attribuiti alle donne. Sebbene infatti le donne di alcuni paesi in via di sviluppo tradizionalemnte non avessero acesso al denaro, oggi, degli oltre 2 milioni di persone finanziate dalla Grameen Bank, il 95 per cento sono donne.

Senza andare così lontanto, anche in Italia, per i progetti finanziati all'interno dell'iniziativa "2007 anno delle Pari Opportunità: il microcredito come strumento di inclusione sociale ed economica delle donne", il tasso di restituzione dei prestiti concessi alle donne è pari al 97%.

Insomma, non solo uno studio della Banca Mondiale ha confermato che i programmi di microcredito accrescono gli standard di vita soprattutto per le donne e i loro familiari, ma le donne si sono rivelate molto più affidabili degli uomini in questo ambito. Giusto nel caso qualcuno dubitasse che siamo il pilastro della società.

  • shares
  • Mail