Il futuro dell’interfaccia: desktop extravaganza

All’inizio degli anni Sessanta con lo sviluppo di NLS/Augment (it/eng) di Douglas Engelbart, ricordato da molti come inventore del mouse, nasce il primo vero ipertesto elettronico. Con Augment avviene la prima implementazione di un ipertesto dotato di link e nodi, la presentazione dei primi esemplari di mouse capaci di agire sui link e di un’interfaccia


All’inizio degli anni Sessanta con lo sviluppo di NLS/Augment (it/eng) di Douglas Engelbart, ricordato da molti come inventore del mouse, nasce il primo vero ipertesto elettronico. Con Augment avviene la prima implementazione di un ipertesto dotato di link e nodi, la presentazione dei primi esemplari di mouse capaci di agire sui link e di un’interfaccia basata su finestre video. Assistiamo perciò alla nascita di tutti quegli elementi che, nel giro di una decina d’anni, si svilupperanno come l’interfaccia grafica standard. L’utente può ora interagire col calcolatore manipolando degli oggetti grafici, senza dover imparare una serie di comandi da impartire con la tastiera come avviene con le interfacce testuali (CLI).

Oggi siamo abituati ad utilizzare i prodotti digitali attraverso metafore, quali la scrivania (desktop) e il cestino nel nostro computer, che semplificano la comprensione del prodotto riducendo quel disagio che Alan Cooper definisce come Attrito Cognitivo.

Nell’ambito dell’Interaction Design si tenta dunque di sviluppare processi di interazione più diretti e vicini ai nostri schemi logici, cercando di ottimizzare il ruolo dell’interfaccia nella fruizione del prodotto. Fra le interessanti proposte e ricerche che stanno facendo parlare di sè il web, alcune si propongono di reinvantare il desktop, in modo da renderlo più simile a ciò che avviene nel modo reale. È il caso di BumpTop 3D Desktop, un prototipo davvero notevole di Anand Agarawala. Un video on-line su You Tube illustra le diverse funzioni e possibilità fornite da questa innovativa soluzione che sfrutta, come fin’ora non si era visto, la simulazione di uno spazio tridimensionale per gestire i propri file.

Certo questa new confusion diligentemente ricreata può lasciare perplessi. Per chi si vuole fare risate ecco una parodia simpatica del BumpTop.
(via officinacreativa06)