La notizia sta rimbalzando su tutti i siti che, come il nostro hanno a cuore le tematiche Queer. Anche in Italia – e verrebbe da dire “persino in Italia” visto che siamo fanalino di coda in Europa e nel mondo – da martedì in Parlamento si comincerà a discutere di unioni civili e matrimoni gay. La Commissione giustizia del Senato affronterà il tema e prenderà in esame i vari disegni di legge già depositati in materia.

Già conosciuto attivista, nonché presidente di Arcigay e primo firmatario del Ddl 15 intitolato “Norme contro le discriminazioni matrimoniali”, il senatore Sergio Lo Giudice (PD) spiega:

In ritardo nei confronti dell’Europa, dei richiami della Corte Costituzionale e, soprattutto, di un diritto fondamentale negato. Spero che alla discussione parlamentare si affianchi un dibattito vero nel Paese, perché su questi temi ci si confronta con argomenti razionali e non sulla base di tabù e pregiudizi.

I senatori della commissione dovranno trovare un accordo armonico tra proposte molto diverse. Il deputato del PD Ivan Scalfarotto, recentemente è riuscito, nell’ambito del Parlamento, ad allargare l’assicurazione sanitaria non solo alle coppie sposate e conviventi eterosessuali ma anche a quelle gay. Adesso il deputato, è firmatario, insieme a una folta compagine – Irene Tinagli (Scelta Civica), Alessandro Zan (SEL) e Silvia Chimienti (M5S) –  di una proposta di legge per il contrasto dell’omofobia e della transfobia presentata giovedì 16 maggio scorso presso la Camera dei Deputati. La proposta di legge è stata stilata dagli avvocati della Rete Lenford.

Si segnalano le proposte di Alberto Orellana, del Movimento 5 stelle, e Loredana De Petris, di Sel: il primo chiede solo il matrimonio per le coppie omosessuali, la seconda estende i diritto anche alla possibilità di diventare genitori. Il segretario di Sel Nichi Vendola,  che ha lasciato Montecitorio per dedicarsi  a tempo pieno alla presidenza della Regione Puglia, ha riunito in un’unica proposta, la legge presentata il primo giorno di legislatura.

Le proposte arrivano tutte da sinistra, anche se l’urgenza di una normativa comincia ad esser avvertita anche dal centrodestra: recentemente nel Pdl si sono espressi favorevoli alle nozze gay Giancarlo Galan che depositato un disegno di legge, “Gay and Lesbian Partnership” e Sandro Bondi, che è stato fra firmatari.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più

Eni: Palazzo Mattei si colora di arancione contro la violenza sulle donne