Tempo di matrimoni: cosa mi metto?

La stagione dei matrimoni è già iniziata, e con essa la frenesia delle invitate alla spasmodica ricerca del vestito adatto. A rendere il tutto più difficile si aggiungono un po’ di regole di base: assolutamente NIENTE bianco (è il colore della sposa!), niente nero (in questo caso l’amato tubino total black non potrà salvarci) e

di martast

La stagione dei matrimoni è già iniziata, e con essa la frenesia delle invitate alla spasmodica ricerca del vestito adatto.

A rendere il tutto più difficile si aggiungono un po’ di regole di base: assolutamente NIENTE bianco (è il colore della sposa!), niente nero (in questo caso l’amato tubino total black non potrà salvarci) e niente eccesi, nè in un senso nè in un altro.

Banditi i tailleur stropicciati che usiamo tutti i giorni in ufficio, così come l’abito da Barbie, più adatto alla serata degli Oscar…

Moderazione anche nelle lunghezze: lo strascico va bene per la sposa, non per la parente di 20esimo grado invitata di straforo, e la mini va tanto di moda, ma sarebbe il caso di indossarla in altre occasioni.

Sul colore dell’abito ci si può sbizzarrire, tendendo a scegliere colori pastello e chiari per le cerimonie di giorno (magari evitando il colore malva se il nostro incarnato fa pendant…) e nuance più scure per la sera (no, nero ho detto no!).

Se si è testimoni poi la faccenda si complica: è vero che a quel punto si può osare di più (il vestito della Barbie torna in pole position), ma sempre in assoluto rispetto delle regole fondamentali: no bianco, no nero, niente nudità.

Per farsi un’idea concreta, fate un giro sui milioni di siti inglesi e americani per le “bridesmaids”, le damigelle d’onore, i cui abiti – beate loro! – li sceglie e li acquista direttamente la sposa (e così il problema se lo accolla lei!).

Ultime notizie su Abiti da sposa

Tutto su Abiti da sposa →