Il concetto di plagio nel XXI secolo

Succede che il giorno precedente la vigilia di Natale riceviamo un email abbastanza “arrabbiata” dal designer belga Alix Welter. Nel messaggio si fa riferimento al post inserito qualche giorno fa, quello relativo alla Sutra Chaise di Brad Ascalon. Il designer belga sostiene di essere il progettista della sedia, portando a dimostrazione anche alcune immagini e



Succede che il giorno precedente la vigilia di Natale riceviamo un email abbastanza “arrabbiata” dal designer belga Alix Welter. Nel messaggio si fa riferimento al post inserito qualche giorno fa, quello relativo alla Sutra Chaise di Brad Ascalon.

Il designer belga sostiene di essere il progettista della sedia, portando a dimostrazione anche alcune immagini e sostenendo che la Sutra Chaise non sia altro che un’imitazione del suo prodotto.
Immediata la risposta di Brad Ascalon, che invece dice no, non è vero, gli dispiace, ma la sua chaise longue è originale e non ha mai visto la sedia di Alix Welter.
Come stabilire da che parte sta la ragione?

Poi mi viene in mente un ottimo post scritto su SocialDesignZine qualche mese fa intitolato “L’epoca del plagio”, che in qualche modo potrebbe adattarsi alla questione e che si conclude con questa affermazione: “Nell’epoca della riproducibilità dell’arte in rete, il concetto di plagio diventa sempre più complesso. Ma forse è l’idea stessa di ‘originalità’ che dovrà essere profondamente rivista.”
Voi lettori di designerblog che ne pensate?

I Video di Pinkblog

‘She’s A Homewrecker’ Website Shames ‘The Other Woman’