Elettroporazione: cos'è e come funziona

celluliteSe ne sente parlare sempre più spesso, insieme alla cavitazione, per trattamenti corpo – soprattutto anticellulite – meno invasivi dei metodi più vecchi. Si tratta dell’elettroporazione, che consiste nell’uso di corrente a media frequenza capace di aprire i micropori della pelle in modo che i principi attivi dei trattamenti, coniugati eventualmente ad un massaggio, penetrino al meglio negli strati cutanei.

È una tecnica non invasiva e del tutto indolore ma abbastanza efficace nel trattamento di cellulite, accumuli adiposi, inestetismi della pelle. Non ci sono rischi e controindicazioni e questo stuzzica chi va alla ricerca di un tipo di trattamento senza conseguenze. Si può usare per la cellulite, come dicevamo, ma anche per le smagliature, le rughe, il tono di tessuti che hanno perso elasticità.

In realtà la tecnica non promette miracoli in sé ma solo la migliore penetrazione di principi attivi, per i quali bisogna un po’ affidarsi alla fortuna e un po’ alla fiducia nella cosmetica. C’è qualcuno tra di voi che ha provato e ne ha ricavato benefici? Al momento sembra sia la regina delle tecniche anticellulite nei vari centri estetici, in dura lotta con la cavitazione.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail