Donne e fumetto, binomio difettoso

Ho spulciato il web alla ricerca di un articolo, di un’inchiesta o di qualche dato scientifico sul perchè le donne leggano meno fumetti rispetto ai maschietti, o perchè questa sia l’impressione che tutti abbiamo. Ho trovato, mio malgrado, poche notizie, poche informazioni. Che non ci siano appassionate, lettrici e disegnatrici di fumetti? A creare l’idea

Ho spulciato il web alla ricerca di un articolo, di un’inchiesta o di qualche dato scientifico sul perchè le donne leggano meno fumetti rispetto ai maschietti, o perchè questa sia l’impressione che tutti abbiamo. Ho trovato, mio malgrado, poche notizie, poche informazioni.
Che non ci siano appassionate, lettrici e disegnatrici di fumetti?

A creare l’idea che le donne leggano meno fumetti contribuiscono, forse, anche i piani editoriali che differenziano per genere. Inoltre, si pubblicano molti più fumetti adatti ad un pubblico maschile e la donna, più che lettrice, viene considerata tema e contenuto del fumetto, e a me viene subito in mente Valentina di Crepax.

In Italia, ho trovato un sito dedicato a tre fumetti femminili e un sito generico sui fumetti in cui si dibatte attorno al tema.

In libreria, invece, da circa un mese, c’è “Burka!”, una storia a fumetti che racconta quello che è celato dietro al burka, che racconta volti di donne afghane attraverso gli occhi di un bambino che cerca la sua mamma, ma non riesce a distinguerla in mezzo agli altri volti coperti. L’autrice è Simona Bassano di Tufillo, il libro è edito da Donzelli. Le tavole tratte da “Burka!” saranno in mostra presso la libreria Feltrinelli di Bari dall’11 giugno al 2 luglio.

Se tra le lettrici di pink c’è qualche disegnatrice di fumetti o appassionata lettrice che ha da suggerirci siti o “presentarci” un’amica disegnatrice, o voglia partecipare al dibattito, si faccia pure avanti!