Acconciature per cerimonia: uno chignon speciale fai da te

In questo periodo le cerimonie si sprecano e sono soprattutto i matrimoni a mandarci in ambasce, non solo per la scelta dell’abbigliamento più adatto a coniugare stile, opportunità e temperature africane, ma anche perché l’acconciatura è un argomento delicato tanto quanto certi massimi interrogativi sull’esistenza: i capelli naturali sono preferiti da molte, al posto di certe impalcature ingessate, ma con il caldo portare la chioma sulle spalle significa accettare la propria disfatta stilistica perché in poche ore si avranno chiome leonine ingestibili.

Meglio legarli. Ma come, senza somigliare ad una bomboniera ma non sembrare che si siano tirati su i capelli per scendere a comprare il latte al volo? Con il tutorial che spiega come creare uno chignon un po’ diverso dal solito, molto modulabile nel risultato e di grande effetto, anche se privo di troppi ammennicoli che appesantiscono la capigliatura (e la testa!) e senza neanche bisogno di un eccesso di styling.

Ci vorrà qualche prova per riuscire bene, ve lo garantisce la mia testa che ha subito quattro esperimenti di fila prima di un risultato degno di essere mostrato in pubblico, ma sempre meglio che sottoporsi alla tortura del parrucchiere pre-sposalizio, specialmente se è lo stesso parrucchiere che si occupa di tutta la famiglia della sposa, con una fila da fare invidia alle Poste nel giorno di pagamento delle pensioni.

  • shares
  • Mail