Un solo volto, 34 identità: il progetto di un'artista ci parla di ciò che vorremmo essere

Nienke Klunder: identità diverse

Bellezza, estetica, aspetto esteriore sono argomenti attaccati alla pelle e al cuore di una donna. A ragione o a torto, a volte esageratamente, a volte in modo sano e giusto; perchè non sempre essere e apparire coincidono, ma talvolta si aiutano fra loro; e in ogni caso curare il proprio aspetto è indice di buona educazione sociale, oltre che personale. Soltanto che spesso tutto questo sconfina nel voler raggiungere una meta, un obiettivo, un traguardo probabilmente impossibile, perchè altrettanto spesso (molto più spesso di quanto pensiamo) in realtà desidereremmo essere qualcosa di diverso da ciò che siamo.

Un corpo diverso, una faccia diversa: forme meglio disegnate, pelle più bella, taglie meno evidenti, lineamenti più scolpiti, capelli lisci se li abbiamo crespi, capelli ricci se li abbiamo lisci, un diverso colore di occhi. Gli esempi sono infiniti. In realtà spesso la cura del nostro corpo non è volta a migliorarlo, ma a tendere a qualcos'altro che non ci appartiene: e per questo la nostra frustrazione raggiunge livelli ineguagliabili. Sarà sempre colpa dei soliti modelli che televisione e mondo della moda ci propinano? Oppure c'è qualcosa di più, qualcosa di nascosto nei meandri della nostra psiche?

L'artista Nienke Klunder ha sondato proprio questo terreno realizzando un curioso studio "d'aspetto": il volto di una donna è rimasto sempre lo stesso, in 34 diverse foto (nella gallery solo 14) in cui invece alcuni elementi sono stati cambiati. Colori, vestiti, espressioni: 34 impressionanti modi per far capire a noi stesse che basta poco per farci vedere agli occhi degli altri diverse, molto diverse. E questo non sempre è un bene, perchè in egual modo basta così poco per cambiare identità, per sembrare totalmente qualcun altro, anche dentro.

Forse tendiamo a non voler essere noi stesse perchè la nostra vera natura un po' ci spaventa. Ma pensiamoci bene: davvero vorremmo apparire diverse da come siamo? Vorremmo apparire ad esempio provocanti quando invece siamo timide? O spavalde quando invece abbiamo bisogno di coccole? Perchè non è sempre vero che l'abito non fa il monaco. Lo testimonia proprio questo lavoro: ogni fotografia racconta una storia diversa, fatti diversi, vite diverse, in un solo attimo. La potenza dell'aspetto esteriore è indubbia, ma dovremmo imparare a veicolarla nel modo giusto e a capire se quello che vogliamo sembrare è anche quello che siamo.

Via | Mundochica

Nienke Klunder: identità diverse Nienke Klunder: identità diverse Nienke Klunder: identità diverse Nienke Klunder: identità diverse

Nienke Klunder: identità diverse Nienke Klunder: identità diverse Nienke Klunder: identità diverse Nienke Klunder: identità diverse Nienke Klunder: identità diverse Nienke Klunder: identità diverse Nienke Klunder: identità diverse Nienke Klunder: identità diverse Nienke Klunder: identità diverse Nienke Klunder: identità diverse

  • shares
  • Mail