Dormire in camere o letti separati: aumentano le coppie con questa abitudine

Dormire in camere o letti separati La National Sleep Foundation, organizzazione no-profit che promuove un sonno salutare, da una ricerca compiuta nel 2005, segnala che una coppia americana su quattro dorme in camere o letti separati. Ma non é finita perchè studi recenti compiuti in Gran Bretagna e Giappone dimostrano simili risultati. E la National Association of Home Builders prevede che il 60% delle abitazioni che verranno personalizzate entro il 2015 avranno camere a due letti.

Conosco coppie che preferiscono non dormire nello stesso letto sicuramente non per idiosincrasia nei confronti dell'altro. A volte, le abitudini (alzarsi presto perchè insonni), i ritmi dell'esistenza (lavorare parecchie ore) lo impongono per riuscire a riposare senza dar troppo fastidio al partner. Non credo, comunque, che rafforzi i matrimoni.

Certo, se avessi un marito che russa penserei alla soluzione di dormire in camere separate dato che ho un sonno leggerissimo. Personalmente non riesco a dormire abbracciata a mio marito anche se mi piacerebbe, e mi tranquillizzerebbe molto, soprattutto quando mi capita di andare a letto tesa come una corda di violino. Ho bisogno della mia libertà di movimento per prendere sonno e, dopo anni in cui siamo stati divisi dalla nostra piccola che con prepotenza voleva a tutti i costi condividere con noi il lettone, sono abituata a dormire accucciata dalla mia parte, ma mi dispiacerebbe abbandonare il lettone. E le vostre abitudini al riguardo quali sono?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail