Pillola e abbronzatura: binomio perfetto, ma non troppo

Un’amica pink-addicted veramente preziosa per idee e spunti di riflessione su problemi femminili, ieri mi ha parlato dell’incontro con la sua ginecologa sul tema abbronzatura. Lei, che usa la pillola anticoncezionale, orgogliosa della protezione 20 che accompagna i suoi crogiolamenti al sole, si sente invece dire dalla dottoressa che per chi prende ormoni ci vorrebbe


Un’amica pink-addicted veramente preziosa per idee e spunti di riflessione su problemi femminili, ieri mi ha parlato dell’incontro con la sua ginecologa sul tema abbronzatura. Lei, che usa la pillola anticoncezionale, orgogliosa della protezione 20 che accompagna i suoi crogiolamenti al sole, si sente invece dire dalla dottoressa che per chi prende ormoni ci vorrebbe almeno un fattore protettivo 50. Il tutto accompagnato da risata sadica delle “medica” e da disperazione della mia amica, rassegnata, come dice lei, “a rimanere verde”.

In effetti l’assunzione della pillola può provocare sulla pelle che si espone lungamente al sole delle macchie solari chiamate melasma o cloasma a causa di una iper produzione di melanina.

Niente di irrimediabile: esistono trattamenti “smacchianti” stile Omino Bianco (scherzo!!). Il consiglio principale è però utilizzare un’alta gradazione di crema solare e soprattutto non disperarsi dei tempi iblici di coloritura: il troppo stroppia, sempre! Chi ne sa di più ci dica la sua…

foto| cofano-Flickr