Parcheggi rosa: a New York gratuiti anche quelli normali per le donne incinte

L'idea dei parcheggi rosa per donne in dolce attesa o neomamme non è nuova: anche qui, in diverse zone d'Italia, si tenta o si è tentato di farli funzionare (anche se, nella maggior parte dei casi non essendo obbligatorio lasciare liberi i posti rosa, la scortesia delle persone non aiuta), ma a New York sono andati ancora oltre.

Un nuovo regolamento permetterebbe infatti alle donne incinte (con problemi di gravidanza), di parcheggiare nella Grande Mela ovunque e gratuitamente; le future mamme però per poter usufruire del privilegio devono portare sempre in borsetta (e forse esibire sul cruscotto) un certificato medico, per evitare multe.

Non si sono sprecate le polemiche: molti sono convinti che i truffatori (anzi, le truffatrici) non tarderanno ad accaparrarsi posti-macchina per le strade, altri pensano che la situazione parcheggi sia già abbastanza difficile così, senza regalare ulteriori vantaggi a determinate categorie.

Io ho avuto modo di constatare molto spesso che la gente per strada o nei negozi non ha un grande senso del rispetto nei confronti delle donne incinte; anche la stessa popolazione femminile pecca in questo senso, non soltanto quella maschile, ahimè.

Ma dato che una gravidanza o un bambino piccolo sono difficili da gestire, io proporrei direttamente l'obbligo di rispettare i parcheggi rosa, da aumentare in quanto a numero.

Certo questo non risolverebbe la scortesia nelle code alle casse e agli sportelli, ma potrebbe già essere un punto di partenza: perchè a volte, a livello sociale, la "cortesia" e il buon senso devono diventare tristemente un'imposizione.

Foto | 06blog

  • shares
  • Mail