Come celebrare San Valentino se sei single

heartedBrutta, brutta festa quella degli innamorati quando si è single e tocca sopportare lo sdolcinato fiorire di iniziative, vetrine dedicate, serate e progetti romantici che le amiche non mancano di raccontarvi. Ecco come celebrare San Valentino da single secondo i consigli di Shine.

Non siete fidanzate? Amate voi stesse: dedicate la giornata a prendervi cura di voi, coccolarvi, concedervi un regalino, un pomeriggio alla spa, una passeggiata tra le vetrine, un dolce pazzesco.

Approfittate del tempo che avete e che non dovete dedicare ad un’altra persona per intraprendere un nuovo progetto tutto vostro che vi dia soddisfazione. Può trattarsi di una nuova organizzazione sul lavoro oppure di riordinare la libreria per colore (io l’ho fatto, l’effetto è magnifico).

Trovatevi qualcosa da amare, un interesse nuovo: yoga, danza, cucina? La scelta spetta a voi, secondo le vostre preferenze e inclinazioni ma non solo, perché potreste scoprire un talento inatteso in un ambito che non avevate ancora mai considerato.

Inviate cartoline di San Valentino alle persone a cui volete bene: amici, parenti, colleghi, il barista gentile che vi tiene da parte il croissant che preferite ogni mattina, la portiera che riceve tutti i vostri pacchi quando siete fuori. È un gesto gentile e tanti studi hanno dimostrato che la gentilezza è epidemica.

Se avete amiche single organizzate qualcosa insieme, preferibilmente lontano dai localini attrezzati per accogliere solo coppiette sdolcinate. Fatevi anche dei regalini. Preferite qualcosa di più sociale? Organizzate una festa con tantissima gente. Qualche volta restare da soli a San Valentino può diventare deprimente. Magari conoscete anche qualcuno di interessante…

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail