Il terzo appuntamento è importante come il primo

Si sprecano le liste su cosa fare e cosa non fare, cosa mettersi e cosa non dire mai al primo appuntamento per farlo funzionare al meglio e ipotecare un secondo incontro, conquistando la fatidica seconda base. Al terzo ci si sente già più sicure di sé, rilassate, convinte che ormai sia davvero fatta, che basti

di fritha

Si sprecano le liste su cosa fare e cosa non fare, cosa mettersi e cosa non dire mai al primo appuntamento per farlo funzionare al meglio e ipotecare un secondo incontro, conquistando la fatidica seconda base. Al terzo ci si sente già più sicure di sé, rilassate, convinte che ormai sia davvero fatta, che basti coltivare quel che s’è seminato. Eppure l’errore è sempre in agguato e arrivare al terzo appuntamento non significa avere in pugno la vittoria – volendo utilizzare un linguaggio forse poco appropriato ma indubbiamente efficace.

Stabilito che vi piacete, che avete stuzzicato a sufficiente l’uno la curiosità dell’altra tanto da volerci riprovare e magari iniziare a sognare una storia d’amore a lungo termine, rimane da capire quanto sia facile incorrere nel temibile scivolone che ogni conversazione, anche la più innocua, spesso nasconde. Al primo appuntamento avete parlato dei vostri interessi? Al secondo si potrà appena approfondire. Al terzo potete cominciare a rilassarvi e a divertirvi veramente, ma tenete presente che lasciarsi scappare di bocca troppi dettagli personali e imbarazzanti può provocare un colossale fiasco. Penserà che finché è ancora in tempo sarà meglio mollarvi.

Un consiglio sempre valido? Lasciare che conduca la conversazione, seguirlo con discrezione, contribuire senza aprirsi eccessivamente. Rimanendo se stesse, certo, ma con la circospezione che si consiglia sempre in questi casi, quando ci si conosce ancora troppo poco per sapere quali possano essere le sue reazioni alle vostre rivelazioni. Questi i consigli di Shine. Ma non sarà controproducente nascondersi tanto a lungo onde poi rivelarsi d’improvviso al poveretto che vivrà la vostra metamorfosi come una doccia fredda? Di sicuro non vorreste essere al suo posto nella situazione invertita, vi pare?

Foto | Flickr