My space: non sei grassa, hai solo qualche extra

My space ha cambiato in un certo senso la percezione che ho di me stessa. Non sono grassa, non sono neanche in sovrappeso: ho semplicemente qualche extra. Questa è la descrizione che compare alla voce corporatura. Il modo di esprimerci e di riferirci a noi stesse credo sia molto importante. “Avere qualche extra” suona come


My space ha cambiato in un certo senso la percezione che ho di me stessa. Non sono grassa, non sono neanche in sovrappeso: ho semplicemente qualche extra. Questa è la descrizione che compare alla voce corporatura. Il modo di esprimerci e di riferirci a noi stesse credo sia molto importante. “Avere qualche extra” suona come “avere un bonus” e ha un’accezione positiva. Perché allora non guardarci con gli occhi di myspace?

Uno dei problemi che abbiamo noi donne è proprio questa incapacità di saperci guardare. Tanto siamo precise nel descrivere le altre persone, tanto siamo scorrette nella definizione del nostro corpo. Non sto qui a parlare del dismorfismo, che è un disturbo davvero serio, ma dell’atteggiamento che abbiamo quotidianamente. Ho un aspetto orrendo! Sono un mostro! Sono grassa! Sono enorme!

Io mi propongo, per questa primavera, di pensare positivamente a me stessa e di godermi questa nuova idea di me. Forza ragazze con qualche extra: siamo come un mega gelato con una spruzzatina di panna. E non facciamo neanche ingrassare.

Foto | Flickr