Arredare low cost la prima casa

Come possiamo arredare low cost la nostra prima casa? Quali sono i suggerimenti migliori e gli accorgimenti che possiamo mettere in atto per poter arredare con gusto e seguendo le nostre esigenze la nostra prima abitazione?

Come possiamo arredare low cost la prima casa? Sicuramente per tutti coloro che hanno intenzione di acquistare la prima abitazione, da soli o in coppia, il problema dell’arredamento è uno dei principali. Se il budget non è molto elevato, si può optare per i tanti brand che ci permettono di arredare low cost la nostra casa.

Da Ikea a Mercatone Uno, solamente per citarne un paio e i più famosi, sono diversi i marchi di arredamento low cost che possono aiutarci a risparmiare un po’ quando andiamo a “mettere su casa”: solitamente i mobili dobbiamo portarli a casa noi e montarli da soli, ma non è un’impresa impossibile, anzi può essere molto divertente. La qualità non è così scadente come si potrebbe credere: bisogna solo cercare di toccare con mano prima per valutare bene se i mobili che stiamo acquistando fanno al caso nostro o meno.

Un altro modo per risparmiare e arredare low cost la prima casa è quella di utilizzare dei mobili riadattati con il riciclo creativo: strada da seguire esclusivamente se amiamo il fai da te e abbiamo una buona manualità e una discreta creatività per poter trasformare vecchi mobili o materiali di scarto in nuovi pezzi di arredo per la nostra casa.

Anche i negozi dell’usato e i mercatini dell’antiquariato possono fare al caso nostro: nei primi possiamo sicuramente trovare arredi moderni e vintage, mentre nei secondi solitamente si trovano solamente soluzioni per chi ama uno stile decisamente retrò. Molto spesso, però, si tratta di arredi da sistemare: se siamo fortunati sono ben tenuti e perfetti per essere già inseriti nelle nostre case, altrimenti potrebbe esserci bisogno di un po’ di restauro.

Infine, il consiglio principale: non cercate di arredare tutto subito, cominciate con i mobili e i complementi dei quali non potete fare a meno. La casa crescerà poi con voi: innanzitutto è bene cominciare con gli elementi indispensabili, vale a dire la cucina, con tavolo e sedie (ne bastano anche solo due o per far sedere le persone che abiteranno quella casa), il letto con un armadio e tutti i complementi per il bagno, evitando tutto il superfluo.

Ogni volta che avrete a disposizione nuovo budget, potrete continuare ad arredare la casa, scegliendo sempre tra le vostre priorità: potete anche optare per mobili dalla doppia anima, che vi consentano di avere due arredi in uno solo. Divani letto per avere un luogo per il relax diurno e uno per il riposo notturno, letti a scomparsa che di giorno sono librerie o mobili, console che si trasformano in mobili, così da risparmiare un po’, anche in termini di spazio se la casa non è una reggia.

E non dimenticate che luci e colori delle pareti giocano un ruolo primario nell’arredo della casa e nel risultato finale: illuminando sapientemente gli spazi, colorando delle pareti o creando dei trompe l’oeil o altri decori (come disegni di finte librerie con vere mensole per i libri, ad esempio!), la casa sembrerà ancora più arredata e la spesa sarà decisamente minima.

Foto | da Flickr di joebehr