Ultrasuoni per i capelli

aumentano la temperatura della zona di applicazione e stimolano la circolazione sanguigna producendo il fenomeno della vasodilatazione.

di fritha


La tecnica viene dall’Argentina ma pare si stia diffondendo assai rapidamente in tutto il mondo e i nostri capelli già scalpitano per saperne di più: si tratta di ultrasuoni in una nuova applicazione come trattamento per i capelli. Confrontando gli effetti di ultrasuoni e massaggio manuale le differenze saltano immediatamente all’occhio, dicono gli esperti che assicurano trattarsi di una tecnica completamente indolore e che non provoca alcun danno.

Gli effetti agiscono esclusivamente sui bulbi piliferi aumentando anche l’irrigazione sanguigna nella zona di applicazione. Tra le possibilità offerte da questo trattamento c’è quella di prevenire o arrestare la caduta dei capelli. Già tuttavia gli ultrasuoni si utilizzano anche in altri modi nel salone della parrucchiera, per esempio per le extension e la stiratura.

Come agiscono gli ultrasuoni? Il loro effetto è fondamentalmente termico, perché aumentano la temperatura della zona di applicazione e stimolano la circolazione sanguigna producendo il fenomeno della vasodilatazione. L’energia ultrasonica inoltre ha un’alta permeabilità cellulare e dunque è capace di stimolare il metabolismo delle cellule favorendone il ricambio e migliorando il benessere del cuoio capelluto e di conseguenza dei capelli.

Foto | Flickr

Via | EntrePeinados