Peeling ai capelli

L’azione meccanica del peeling ai capelli aiuta a purificare il cuoio capelluto dalle impurità con un miglioramento della circolazione sanguigna

di fritha

Conosciamo bene il peeling per il corpo ma sapevate che può offrire molti benefici anche ai nostri capelli? È una nuova tendenza che si sta affermando a partire dai soliti saloni di bellezza che lanciano il trend mentre il fai da te coglie la palla al balzo e inventa la propria variante economica e in molti casi ecologica. In fondo il peeling del cuoio capelluto non è quello che si fa già quando ci si serve del cowash con lo zucchero di canna aggiunto al balsamo?

L’azione meccanica in quel caso serve principalmente a pulire, ma nel semplice peeling aiuta anche a purificare il cuoio capelluto dalle impurità garantendo una pulizia profonda e un miglioramento della circolazione sanguigna superficiale. Gli effetti immediati sono quelli di una pulizia più accurata, mentre a lungo termine ne beneficerà anche la crescita dei capelli, perché i follicoli saranno liberati da tutte le impurità e la circolazione migliorerà. Questo contribuirà anche ad arrestare la caduta dei capelli.

Come funziona? Nella maniera più elementare: il prodotto si applica sulla testa e si massaggia delicatamente prima di procedere al normale lavaggio. L’esfoliazione permetterà di eliminare le cellule morte e i residui di prodotti siliconici e di ossigenare meglio i tessuti. Un’idea fai da te? Zucchero di canna e miele, prima dello shampoo.

Via | EntrePeinados

Foto | Flickr