I rivenditori Lema: Novarredo

Continua il viaggio nell’universo Lema, istituzione nel settore dell’arredo personalizzato a livello internazionale. Anche attraverso il punto di vista dei suoi rivenditori, si scopre la chiave del successo di questo brand.


Una casa può assolvere in tutto e per tutto alle funzioni di una casa, e perché no, talvolta anche alle funzioni di ufficio. In verità, il problema con Lema non si pone perché nel campo dell’arredo personalizzato e su misura, siamo al top e si va sul sicuro. Vero è che, in materia di living, non si smette mai di migliorare estetica e funzionalità degli spazi in cui ci muoviamo ogni giorno. E per fare questo, le vie dello shopping sono infinite: come orientarsi?

Ci si ritrova ciclicamente ad aver bisogno di un dato mobile o di un sistema, di dover apportare delle modifiche alla fruibilità di uno spazio, di cambiare “tono” all’ambiente con cromatismi nuovi e di ispirazioni inedite. Uno dei vantaggi di un brand di qualità massima come Lema, è la garanzia di un lavoro fatto a regola d’arte, che contraddistingue anche i suoi rivenditori. Oggi vi presentiamo un altro punto vendita di riferimento, nel caso vi trovaste nella zona di Novara. Parliamo dell’azienda Novarredo di Borgomanero che guarda caso, come slogan ha adottato il claim: “Il progetto prima di tutto”.


Prima di andarci suggeriamo un tour sul suo sito, che presenta i Best Seller e le novità del design da sfogliare a colpo d’occhio in maniera decisamente intuitiva; già questo è un bel biglietto da visita per un’azienda che è sicuramente al passo coi tempi e con le nuove tecnologie, e che dimostra di avere un alto livello di ascolto e di attenzione nei confronti del cliente. Tra le proposte Lema del rivenditore Novarredo troviamo i pezzi da novanta della collezione: dall’Armadio al Centimetro alla libreria Selecta, fino al sistema T030 di Piero Lissoni; insomma tutte icone dell’abitare contemporaneo.

Ma ci sono anche le cabine armadio Hangar e Novenove, il divano Cloud di Francesco Rota e i letti Theo, Edel e Dream View. E si spazia di conseguenza anche ai dettagli, con gli arredi più piccoli posizionabili a seconda dell’estro; come lo scrittoio Novelist di Cristophe Pillet, le sedie Daiku e Hati, la consolle Victoria o i mitici tavolini Flowers, dal tipico design anni ‘50.
Tutti elementi che grazie alla consulenza di Novarredo si possono giocare come in un divertente puzzle a incastri, nello spazio libero da arredare come fosse un quadro d’artista. Un quadro molto, molto confortevole però, sia chiaro!

Iniziativa realizzata in collaborazione con Lema

I Video di Pinkblog