[blogo-gallery id=”932893″ layout=”photostory” title=”Tendenze autunno inverno 2016: i cappelli handmade di Catarzi, le foto” slug=”tendenze-autunno-inverno-2016-i-cappelli-handmade-di-catarzi-le-foto” id=”932893″ total_images=”18″ photo=”0,1,2,3,4,5,6,7,8,9,10,11,12,13,14,15,16,17″]

Espressione emozionante di un lavoro che affonda le radici lontano nel tempo, la passione per l’eccellenza è il segreto custodito da oltre un secolo dal Cappellificio Catarzi, un segreto che rivediamo anche nei cappelli creati per la collezione autunno inverno 2015-16.

In un’azienda che ha fatto di una manualità rara e preziosa come l’intreccio della paglia, un’arte elevata ai massimi livelli, le abili mani delle trecciaiole di Signa hanno incrociato artigianalità e sperimentazione, in un gioco di accoppiamenti speciali in cui l’effetto used vince su tutto. È proprio a Signa che, nel 1910, la storia dei Catarzi ha avuto inizio con il capostipite Olderigo, pagliaiolo, che ha saputo trasformare la sua piccola bottega in uno dei nomi più importanti nella produzione e nel commercio dei cappelli.

Nelle creazioni della linea Catarzi 1910 si leggono passaggi antichi intrecciati a lavorazioni altamente tecnologiche, l’artigianalità di un tempo accoppiata a materiali sperimentali, gesti della memoria avviluppati all’estro creativo. I cappelli di Filippo Catarzi sono più che accessori. Poesie da calcarsi sulla testa, corone seducenti e personalissime, interpreti sofisticati che guardano al domani facendo tesoro di cent’anni di competenze, di sogni, di amore per il proprio lavoro, per l’unicità e la bellezza.

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 13-10-2015