Il miliardario belga Albert Frere ha messo all’asta per beneficenza 3.000 bottiglie della sua cantina di vini pregiati, generando un introito di 1.8 milioni di dollari (oltre il 13% in più del previsto). La vendita si è svolta ieri a Londra, per sostenere una lodevole iniziativa in memoria del figlio, deceduto in un incidente stradale 10 anni fa.

All’incanto sono andate diverse partite di Bordeaux e Champagne, alcune delle quali molto rare. Grazie alla qualità dei lotti e alla capacità dei banditori di Sotheby’s, i generosi acquirenti hanno spinto in alto le loro offerte. Solo il 3% dei pezzi non ha trovato compratore.

Il prezzo massimo è stato pagato per una confezione di 12 Chateau Petrus del 1989, passate di mano a 48.900 dollari. La somma recuperata andrà alla fondazione che porta il nome dello sfortunato discendente, attiva nel supporto ai bimbi in difficoltà e agli adulti svantaggiati.

Frere, 83 anni, è uno degli uomini più ricchi del suo paese, con un patrimonio personale che Forbes ha quantificato nell’ultimo rilevamento in 2.4 miliardi di dollari. Già in passato si è reso protagonista di iniziative simili, con apprezzabile successo.

Via | Bloomberg.com

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Personaggi Leggi tutto