Girovagando per la rete mi sono imbattuta in questa immagine, che metterebbe in relazione il modo di vestire di una donna con la presenza, l’assenza e anche la qualità del suo rapporto con un partner. Detta così la questione appare piuttosto seria, ma in realtà si tratta di una vignetta ironica che mostra una donna in tre situazioni: single, sposata e sposata felicemente.

La single porterebbe una sorta di cardigan con zip sistemata al punto giusto per lasciare poco spazio alla fantasia circa il suo decoltè; la “sposata” sistemerebbe invece la zip un po’ più su, lasciando però sempre intravedere qualcosa; la “sposata felicemente” tirerebbe su la zip fino al collo. E’ davvero così? E se sì, quanto è dovuto a retaggi culturali?

Non mostrare pericolose scollature viene visto da qualcuna come un segno di rispetto nei confronti del partner, magari geloso, o semplicemente potrebbe dimostrare la mancanza di interesse verso sguardi maschili che non siano quello dello sposo; mostrare qualcosa ma non troppo sarebbe invece il motto di una donna sposata ma aperta sempre a nuovi incontri; la single è “evidente”….Ma in tutto questo, ironia a parte, c’è qualcosa che non mi torna.

Davvero mostrare una scollatura o valorizzare una parte del nostro corpo, sempre senza scadere nell’esagerazione, significa soltanto voler attirare sguardi maliziosi finalizzati ad altro? Perchè invece non significa semplicemente volersi sentire più belle (che perchè no implica anche l’essere più ammirate, ma mica solo dagli uomini…), volersi bene un po’ di più quando ci si guarda allo specchio? Mostrare non significa necessariamente voler tradire o avere la necessità dell’attenzione maschile; certo, ci vuole sempre la giusta misura nelle cose, ma si tratta di un atteggiamento che può anche denotare un’esigenza sì di attenzione, ma più da parte di noi stesse che degli altri. Voi cosa ne pensate??

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 17-11-2011