Quando una storia finisce, soprattutto se in malo modo, l’istinto primario è quello di “vendicarsi” del nostro ex, e le nuove tecnologie ci offrono infiniti spunti per farlo; ne avevamo discusso ad esempio parlando di Exrated, il sito di dating online che partiva dalla “denuncia” degli ex scomodi.

Screditare un ex sui social media è fin troppo facile: bastano due parole e una marea di “amici” possono sapere cosa è successo e possono sentirsi in diritto di giudicare non solo il vostro ex, ma di conseguenza anche voi. E sappiamo che quelli di Facebook non sono tutti veri amici. Questo è il primo dei motivi per cui vale la pena evitare di scadere in simili atteggiamenti. Il secondo motivo, più egoistico, è che altrettanto facilmente lui potrà screditare noi, usando esattamente gli stessi mezzi.

In terzo luogo, vendicarsi in generale (e in particolare in questo modo), non vi aiuterà a sentirvi meglio: forse inizialmente penserete di essere sollevate e di appagare il vostro dolore, ma dopo qualche tempo vi sentireste vuote come prima, anzi forse di più. Poi, se vogliamo dirla tutta, posti come Facebook o Twitter non sono proprio i luoghi migliori per far ordine con se stessi: molto meglio la cara, vecchia amica del cuore, quella in carne e ossa, quella che risponde al telefono, quella che si precipita a casa.

Infine c’è un altro buon motivo per non screditare gli ex sui social media: lui verrà a saperlo, anche se non è più in contatto diretto con voi, è inevitabile; e questo, oltre a creare un ipotetico ponte tra voi (e quando si chiude veramente una storia non è mai consigliabile), vi farà apparire agli occhi suoi e dei suoi amici scontata, banale e forse anche ossessiva. E questo non perchè dobbiate apparire a lui o alla sua cerchia di seguaci in chissà quale modo, ma perchè non aiutereste così il vostro orgoglio. In tali situazioni riuscire a mantenere una gran dignità potrebbe essere l’unica cosa che rimane; e che aiuterà ad uscirne il prima possibile e a testa alta.

Via | TrèsSugar

Foto | Flickr

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 17-11-2011