I ritocchi saranno dichiarati (almeno in fotografia)??


Abbiamo parlato tante volte della perfezione ricercata nei ritocchi fotografici, soprattutto delle celebrità: una patina di falsa eccellenza copre volti e corpi su riviste, pubblicità, giornali. E noi ci rifacciamo a quei modelli, guardando stanche (e stanchi) le nostre facce allo specchio e trovandoci sempre qualche difetto.

Tuttavia, anche fra gli scienziati c'è chi pensa che bisognerebbe inventare un modo per farci tornare a una sana autostima, anche fisica; in particolare i ricercatori del Dartmouth College nel New Hampshire avrebbero elaborato un modello matematico in grado di calcolare il livello di ritocco nelle fotografie digitali, assegnando un numero da 1 a 5 per indicarne il maggiore o il minore utilizzo.

Gli scienziati vorrebbero così che ogni rivista e ogni cartellone pubblicitario rendessero noto il loro "grado di ritocco", in modo che i comuni mortali possano sentirsi rincuorati dalle rughe nascoste dietro le versioni moderne del ritratto di Dorian Gray, oppure dai rotolini di ciccia messi a tacere dalle magie della tecnologia.

Io non credo che una cosa simile succederà mai: sarebbe molto più semplice evitare i ritocchi in qualsiasi foto; ma questa è un'utopia. Dunque rassegnamoci a cercare la nostra autostima da qualche altra parte.

Via | Gizmag

  • shares
  • Mail