Qual è il significato di Alfredo dei Baustelle? La canzone è dedicata ad Alfredino Rampi, il bambino morto in un pozzo nel 1981.

Alfredo dei Baustelle non può essere considerata una semplice canzone, ma molto di più. E’ una poesia, un canto di disperazione e anche una denuncia nei riguardi dell’attenzione morbosa che, talvolta, i media riservano ai fatti di cronaca. Vediamo il testo e il significato del brano.

Alfredo dei Baustelle: il significato della canzone

Uscita nel 2008, la canzone Alfredo dei Baustelle è contenuta all’interno dell’album intitolato Amen. Il brano è dedicato ad Alfredino Rampi, il bambino di sei anni deceduto all’interno di un pozzo nel lontano 1981. La tragedia e avvenuta lungo la via di Vermicino in località Selvotta, frazione di Frascati, in provincia di Roma. Nel brano della band capitanata da Francesco Bianconi si ripercorre la triste vicenda, ma si mette in luce anche un altro aspetto macabro: l’attenzione morbosa da parte dei media.

Ho sbagliato, sono scivolato, son caduto dentro il buco
Bravi, son venuti subito, son stato stupido, ma sono qua
Gli aiuti, quelli dei pompieri, i carabinieri
“.

La narrazione è affidata proprio al piccolo Alfredino, che dal buco nero del pozzo si rende conto di essere stato individuato dai soccorritori.

Scivolo nel fango gelido, il cielo è un punto, non lo vedo più
L’Uomo Ragno m’ha tirato un polso, si è spezzato l’osso, ora
Dormo oppure sto sognando? Perché parlo, ma la voce non è mia
“.

Nella canzone si citano anche alcuni media, come Repubblica e Rai, perché la tragedia del Vermicino è stato il primo fatto di cronaca ad essere trasmesso in diretta televisiva. L’agonia di un bambino di sei anni che, ora dopo ora si spegne, è stata data in pasto al grande pubblico, senza pensare all’effetto che avrebbe potuto avere. Alfredo dei Baustelle racconta una fine tragica, quella di un bimbo caduto in un pozzo di 80 metri che per 3 giorni ha tenuto con il fiato sospeso tutta Italia.

Ecco il video di Alfredo dei Baustelle:

Alfredo dei Baustelle: il testo della canzone

Un pezzetto bello tondo di cielo d’estate sta sopra di me
Non ci credo, lo vedo restringersi, conto le stelle, ora
Sento tutte queste voci, tutta questa gente ha già capito che…

Continua per il testo integrale

Riproduzione riservata © 2024 - PB

feed

ultimo aggiornamento: 11-06-2024