I beauty case personalizzati possono rivelarsi potenti strumenti promozionali: ecco perché regalarli e come ottenere risultati ottimali.

Regalare gadget personalizzati rappresenta una strategia di marketing sempre efficace, sia per fidelizzare i clienti sia per far conoscere un brand o aumentare la visibilità di un marchio. I beauty case, in particolare, possono trasformarsi in una potente risorsa promozionale in grado di catturare l’attenzione e, soprattutto, di rispondere a un’esigenza molto condivisa: avere a disposizione una pratica pochette per riporre cosmetici e prodotti per la bellezza e la cura personale, da conservare o trasportare fuori casa.

La scelta di regalare beauty case personalizzati, in particolare, si rivela proficua in occasione di eventi e fiere organizzati periodicamente nell’ambito di alcuni specifici settori, come lo sport o il comparto benessere, la cosmetica e naturalmente il turismo e il ramo ricettivo.

A chi non piacerebbe ricevere un kit di benvenuto non appena messo piede nella camera dell’hotel? Quanto apprezziamo essere omaggiati con una pochette da toilette semplicemente recandoci dall’estetista, dal parrucchiere o presso lo studio dentistico di fiducia?

gift campaign

Perché regalare beauty case personalizzati

Scegliere una serie di beauty case personalizzati come omaggi aziendali genera numerosi vantaggi da diversi punti di vista, soprattutto pensando all’utilità che caratterizza questo accessorio. Il beauty case, infatti, è un oggetto funzionale utilizzato quotidianamente dalla maggioranza delle persone, a prescindere dal genere sessuale, dall’età e dalla professione.

Se per le donne possedere una pochette ben organizzata contenente creme e prodotti make-up rappresenta un’esigenza irrinunciabile, per un uomo questo accessorio si rivela utile per riporre tutto il necessarie da barba.

Uno dei punti di forza dei beauty case personalizzati, inoltre, riguarda la straordinaria versatilità che permette di puntare su questi gadget per costruire una campagna marketing di successo. A sceglierli, ad esempio, sono spesso anche le aziende che vogliono creare un merchandising personalizzato per i dipendenti, fornendo accessori funzionali che veicolano facilmente il nome del brand.

Quale modello di beauty case scegliere

La scelta del modello di beauty case da personalizzare dipende da diversi fattori, tra i quali riveste una particolare importanza la finalità della campagna promozionale. A giocare un ruolo determinante sono anche le esigenze e le caratteristiche del pubblico a cui ci si rivolge.

Alcune valide alternative possono essere:

  • beauty case dallo stile classico, capiente e perfetto per ogni utilizzo;

  • bauletto porta-trucchi con manico e scomparti interni, ideale per riporre ordinatamente tutto l’occorrente per il make-up;

  • pochette in stile green, realizzata abbinando materiali e tessuti ecologici come il cotone e il sughero, un biglietto da visita efficace per le aziende che vogliono comunicare un’immagine attenta alla sostenibilità;

  • beauty case trasparente arricchito con pratici flaconcini da riempire, particolarmente utile per viaggiare e facilmente trasportabile anche all’interno del bagaglio a mano durante gli spostamenti in aereo;

  • sacchetto portaoggetti dal design minimale e funzionale, un passe-partout da utilizzare in svariate occasioni;

  • astuccio multiuso, una risorsa versatile che può contenere non solo prodotti beauty ma anche penne e piccoli oggetti.

Come personalizzare i beauty case

Una volta deciso di avviare una nuova campagna promozionale puntando sui beauty case, il primo step da compiere è affidarsi ai professionisti del settore, agli esperti nella creazione e nella vendita di gadget personalizzati che possano fornire una vasta scelta di prodotti e opzioni di personalizzazione.

Per ottenere un risultato ottimale, tuttavia, è fondamentale utilizzare la tecnica di stampa più adatta alla forma e al modello che caratterizzano il beauty, procedendo poi con la scelta del colore e dell’immagine da imprimere in modo da ottenere un effetto uniforme e armonioso.

Tra le tecniche più utilizzate, ad esempio, figurano la serigrafia o la tampografia, da preferire in presenza di loghi aziendali composti da uno o più colori piani. La tecnica del transfer digitale, invece, permette di ottenere risultati ottimali se l’immagine da stampare vanta molteplici tonalità di colore.

La spesa per l’acquisto dei gadget e per la personalizzazione varia in funzione di molteplici fattori, tra cui il materiale di fabbricazione, il design e le dimensioni del beauty. Anche in questo caso, poter contare su un catalogo particolarmente ricco consente di trovare la soluzione che risponda al meglio alle singole necessità, adattandosi a diversi tipi di budget.

Gadget personalizzati da abbinare ai beauty case

I beauty case rappresentano uno dei gadget aziendali più comuni, anche nell’ambito del merchandising destinato ai dipendenti e ai collaboratori. Sempre più spesso, inoltre, le aziende optano per questo tipo di omaggio in abbinamento ad altri oggetti altrettanto utili e apprezzati.

Un esempio è dato dalle valigie personalizzate, molto gradite da chi è solito viaggiare per lavoro anche se per trasferte di breve durata. Si tratta di strumenti validi sia per migliorare la brand awareness, sia per far sentire i dipendenti valorizzati e motivati.

Trolley e borsoni da viaggio, inoltre, possono diventare validi regali personalizzati destinati ai clienti di un’agenzia viaggi o di un’attività attiva nel turismo, imprese che in questo modo hanno l’opportunità di farsi conoscere e di attirare nuovi potenziali utenti.

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 27-09-2022