Uno studio ha svelato come la presenza di un uccellino nella propria vita possa essere di grande aiuto per la salute. Scopriamo perché.

Siamo soliti sentire come esistano terapie con animali, specie cani e cavalli, che sono molto d’aiuto alle persone ed in particolare ai più piccoli. Eppure, anche un uccellino è in grado di dare una grossa mano se si parla di salute mentale. La conferma è arrivata da un recente studio portato avanti dagli scienziati del King’s College di Londra.

APP UTILI PER LA SALUTE MENTALE

Il canto degli uccellini fa bene alla salute: lo studio

uccellino pettirosso
uccellino pettirosso

La ricerca portata avanti dagli scienziati del King’s College di Londra, poi pubblicata anche sulla rivista Scientific Reports, ha svelato come sentire il canto degli uccellini sia di grande aiuto per il proprio benessere.

Lo studio, che ha coinvolto 1200 persone, si è articolato nel seguente modo: a tutti è stato chiesto 3 volte al giorno, attraverso un’app per il telefono, se potessero vedere o sentire uccelli nei dintorni e poi di rispondere a domande sul proprio stato d’animo.

Per comprendere in che modo i suoni della natura avessero effetto sull’umore, i ricercatori hanno anche raccolto informazioni su eventuali diagnosi pre-esistenti di disturbi dell’umore dei partecipanti. Il risultato? Gli studiosi hanno scoperto che anche chi soffriva di depressione si giovava di un ambiente dove gli uccellini cantavano liberamente. Un effetto benefico che non sarebbe dovuto ad altri fattori ambientali significativi, come la presenza di alberi e corsi d’acqua.

L’autore di tale ricerca, Ryan Hammoud, ha spiegato: “Ci sono molte prove sui benefici per la salute mentale del trovarsi in mezzo alla natura e pensiamo intuitivamente che la presenza del canto degli uccellini possa contribuire a migliorare il nostro umore”, le parole del ricercatore presso l’Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze del King’s College.

Anche un’altra ricerca testimonia come il canto degli uccellini sia di grande aiuto. Uno studio condotto dal Max Planck Institute for Human Development di Amburgo ha rivelato come il nostro cervello percepisca il canto degli uccellini come la prova che ci si trovi in “un ambiente naturale intatto”.

Pare che i benefici derivanti dal suono dei volatili siano replicabili anche attraverso l’ascolto di una playlist o di un CD che riproducono, appunto, suoni naturali.

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 04-11-2022