Usato già negli anni ’30 ma con un significato diverso, si è trasformato negli anni diventando uno slang: ecco cosa vuol dire cool oggi!

Se aprissimo il dizionario inglese-italiano vedremmo che la voce “cool” in inglese ha come traduzione letterale “freddo” o “distaccato“. Però ormai la parola non viene più usata in questo senso essendo diventata uno slang: scopriamo le origini del termine e come il significato è cambiato dagli anni ’30 ad oggi.

Origine: dall’inglese;
Quando viene usata: per definire qualcosa di “figo”, che fa tendenza;
Diffusione: globale;
Lingua: inglese.

Le origini di cool

Il termine cool era utilizzato già dagli anni ’30 con significato dispregiativo e di disprezzo, legato appunto alla sua traduzione letterale di “distaccato” o “freddezza”.

Negli anni ’40, invece, si usava con un’altra accezione, che indicava la mancanza di entusiasmo: per questo motivo questa espressione entrò nel mondo del jazz, che all’epoca si divideva in due categorie ben definite, l’”hot jazz” e il “cool jazz“. Il primo era più allegro e movimentato mentre il secondo era meno euforico. L’hot jazz era il genere più in voga e più ascoltato.

trombettista jazz

Il significato di cool è cambiato negli anni ’50, quando questa parola ha assunto un significato totalmente diverso, per indicare qualcosa di moda o tendenza. Il termine veniva tradotto con “figo” o “giusto“.

Durante il secondo dopoguerra, gli afroamericani anglofoni adottarono questo termine nella sua accezione più moderna ed è per questo che il termine si è diffuso col significato che conosciamo negli Stati Uniti d’America e poi in tutto il mondo.

Il significato di cool oggi

Essere cool è diventato un segno distintivo per essere apprezzati dalle altre persone, anche se per molti non è importante. Una persona cool risulta sempre “giusta” e sempre alla moda agli occhi degli altri. Questo però deve venire con naturalezza perché altrimenti si ottiene l’effetto contrario. L’essere “figo” non deve essere una ricerca della perfezione, perché significa anche saper ridere di se stessi e delle proprie imperfezioni.

L’autoironia è lo specchio della fiducia in se stessi e dei propri difetti, ed è spesso vista come umiltà che contribuisce in maniera significativa alla visione che hanno gli altri di una persona cool.

Esiste poi anche il senso dell’aggettivo cool, per indicare qualcosa di rilassato. Un esempio è nell’espressione in inglese “Be cool“, che sta per “stai tranquillo”. Nel 2005 è stato chiamato così anche un film, con protagonisti John Travolta e Uma Thurman.

Esempi d’uso

Ecco alcuni esempi d’uso per capire meglio l’utilizzo nella vita di tutti i giorni di questa parola, in tutti i suoi significati:

Sono cool, ma non mene vanto. Gli altri mi vedono così“;

L’esempio del cool jazz è lampante: è adorato dalle persone malinconiche“;

Quei jeans sono veramente cool! Dove li hai comprati?“.

Riproduzione riservata © 2024 - PB

feed

ultimo aggiornamento: 04-04-2024