I gusci Foodscapes, infatti, sono realizzati a partire dagli scarti alimentari. Possono essere utilizzati come contenitori per alimenti secchi (non ci mangiate una zuppa, insomma…) e poi dismessi senza alcun impatto negativo sull’ambiente: basta scioglierli nell’acqua e utilizzarli come concime per il terreno. Due i “modelli” disponibili, il primo ottenuto dai gusci delle arachidi, il secondo dagli avanzi delle carote.

L’idea di un “fine vita mai” che ci indicasse un percorso virtuoso è venuta a WhoMade.it, marchio italiano la cui attività di design sociale, se così possiamo dire nonostante l’ottica profit, guarda alla valorizzazione dell’eccellenza che l’artigianato di nicchia, troppo spesso lontano dai riflettori, spesso nasconde.

Il progetto Foodscapes sarà esposto presso il Padiglione Italia, in zona Ventura Lambrate, nei giorni del Salone del Mobile 2013.

Foodscapes, contenitori alimentari compostabili da Whomade.it

Foodscapes, contenitori alimentari compostabili da Whomade.it
Foodscapes, contenitori alimentari compostabili da Whomade.it
Foodscapes, contenitori alimentari compostabili da Whomade.it
Foodscapes, contenitori alimentari compostabili da Whomade.it

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 29-03-2013