Rimandata alla prossima sessione! Il professore è Kenzo Takada, e la rimandata – strano ma vero – è proprio la moda. Proprio come nella vita, anche nella moda, ci vuole il coraggio di cambiare, di proporre qualcosa di nuovo e diverso da tutto il resto. E’ questo l’input dal quale si deve partire per creare collezioni originali e uniche, parola dello stilista giapponese Kenzo Takada. Lo stilista ha lasciato la casa di moda che ha fondato già da 13 anni – lasciandola alla sua assitente – e a distanza di tutti questi anni, il giudizio verso i suoi colleghi è netto.

E questa è una delle dichiarazioni che Kenzo ha lasciato sulla questione:

“Al momento quello che trovo triste è che tutto il prêt-à-porter, tutte le case di moda facciano la stessa cosa. Lo vedo quando guardo le foto, sono tutte uguali. E’ vero ci sono alcuni designer che catturano la mia attenzione, ma penso che ogni cosa sia troppo globalizzata, ed è un vero peccato”.

Tra le uniche eccezioni positive in questo trend “tutto uguale” per Kenzo ci sono solo Saint Laurent e Dior.

Tra le eccezioni però include in qualche modo anche i due nuovi stilisti, mentre creativa della sua casa di moda, ovvero Humberto Leon e Carol Lim.

“E’ fantastico, i designer di Kenzo hanno portato una ventata di freschezza, giovinezza e dinamismo. Li ho incontrati una o due volte, guardano anche molti archivi e io sono felice”.

Anche se la moda è tutto per lui, Kenzo Takada non ha alcuna intenzione di tornare nel mondo delle passerelle:

“Non credo che tornerò alla moda ci sono questi giovani designer, è meglio lasciar fare a loro”.

LINK UTILI

Mido 2012: Kenzo e il design innovativo, la collezione eyewear 2012

Kenzo al Mido 2011: i temi forti del prêt-à-porter della Maison per la nuova linea sunglasses

Kenzo Flower Tag, la poesia del papavero diventa street style

Riproduzione riservata © 2023 - PB

ultimo aggiornamento: 06-12-2012