La collezione primavera estate 2016 di Pence, presentata a Pitti Uomo 88, trae ispirazione dal deserto del Sahara e dell’inconfondibile stile dei suoi tradizionali abitanti: i Tuareg, popolo nomade berbero, definito “gli ultimi uomini liberi”. La collezione evidenzia in modo sempre più netto due anime, che diventano due attitudini ma sotto lo stesso comune denominatore di stile: la linea “style” – caratterizzata da un’eleganza informale, estro, ricerca del dettaglio distinguibile e decorativo, tessuti speciali con trattamenti d’avanguardia – e dall’unique-capsule denim, più decisa e grintosa, dallo spirito rock con l’aggiunta di un tocco ironico. Proprio quest’ultima capsule denim si impregna dell’essenza del deserto e dei Tuareg e delle moderne periferie urbane, terra di metallari a cui sono ispirati i pantaloni dalle tipiche personalizzazioni fatte a mano.

La novità della collezione, dove i pantaloni restano sempre protagonisti principali, è rappresentata dall’evoluzione di nuove forme che si modellano seguendo i nuovi trend nel rispetto del confort. Nella linea “style” i pantaloni sono importanti in termini di tessuti e manifattura e di conseguenza si punta molto su un fit da uomo, ossia montanti più alti, pences, gambe più morbide e lunghezza più corta. Completa la linea qualche cenno di militare-safari con pantaloni e bermuda fatigue, bermuda con tasconi e giacche-lavoro.

Nella capsule denim, la novità è rappresentata dal nuovo fit loose skinny, morbido sulla parte alta e molto asciutto sulle gambe e dalle grandi zip sulle tasche ispirato alla moda delle band rock fine anni ‘70. Lo spirito di ricerca dei tessuti, sempre unici e originali, è un’attitudine importante nella realizzazione delle collezioni di Pence. Nella collezione estiva primeggiano: cotone, lana e lino e misture tra i tre tessuti. La presenza di lana per l’estivo è fedele alla tradizione sia del pantalone classico di Pence che del costume dei Tuareg. I grandi turbanti portati in testa sono di lana, poiché come materiale ha la proprietà di essere termico. I Tuareg nel deserto sono esposti a grandi escursioni termiche tra giorno e notte e di conseguenza hanno scelto la lana come materiale per proteggersi.

Le strutture dei tessuti sono diverse tra loro, come i tinti in filo dall’aspetto cangiante, i disegni macro quadri e righe colorate, gli uniti o falsi uniti che si distinguono per disegno, mano e grammatura, il doppio drill con trama ed ordito a lieve contrasto dal gusto giapponese, la micro reschina in cotone molto leggera ma strutturata, l’elegante gabardine di lana e lino dall’aspetto cangiante quasi ad assomigliare allo shantung di seta, dalle righe con i colori del cielo, la sabbia e gli abiti dei Tuareg. Per finire la tela di cotone dall’intenso color indaco e gli immancabili tinti in capo quali uncino cotone dal disegno resca bottonato con un filo blu Tuareg e lino cotone confort con una micro struttura militare.

La capsule denim sceglie diverse tele a volte tinte indaco e zolfo per i denim black. I lavaggi richiedono molto lavoro manuale per creare usure più vere possibili. La novità nella tintura è una speciale tecnica che crea delle macchie a tono all over sul capo. I capi che completano il look saranno realizzati con gli stessi tessuti dei pantaloni per le giacche, in denim o cotone resca militare per i giubbini 5tasche e le giacche-lavoro. Le camicie sono state realizzate con tele di lino cotone e cotone con disegno riga jacquard e denim.

I colori scelti per la prossima Primavera-Estate sono quelli dei Tuareg. Il blu in tutte le sue sfumature, il bianco delle nuvole, il beige della sabbia, il manto dei cammelli, il colore del te, qualche punta di colore sono il verde, il bordeaux e il rosso. Le decorazioni sono presenti soprattutto nella capsule denim, con capi completamente patchwork, speciali applicazioni di sottilissime corde in lino sui fianchi dei denim ad evocare le dune del deserto, il disegno bandana usato su alcuni capi ed accessori e applicazione di nastri di lino indaco sulle texane. Molti ricami saranno realizzati artigianalmente come quelli realizzati con le perline di legno e i dettagli e patch in pelle e camoscio.

[blogo-gallery id=”894337″ layout=”slider” title=”Pitti Uomo Giugno 2015 Firenze: Pence si ispira al deserto del Sahara, la collezione primavera estate 2016″ slug=”pitti-uomo-giugno-2015-firenze-pence-si-ispira-al-deserto-del-sahara-la-collezione-primavera-estate-2016″ id=”894337″ total_images=”7″ photo=”0,1,2,3,4,5,6″]

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 15-06-2015