Come proteggere i tatuaggi in estate

proteggere-tatuaggi-estate

E' la moda del momento, e sembra che un po' tutti abbiano il desiderio di vedere un pizzico di arte -o molto di più- sulla propria pelle. Se avete già fatto il grande passo, e "indossate" un tatuaggio fatto da poco, è bene mantenere i colori luminosi senza danneggiare un lavoro costato tanti soldini. Allora, dovrete fare attenzione al sole, nemico numero uno dei decori corporei soprattutto nei giorni successivi all'esecuzione.

Ma quali sono le regole da seguire per proteggere un tatuaggio in estate? Se lo avete appena fatto, non esponete la zona interessata della cute al sole, e non fate il bagno perchè la pelle è ancora "traumatizzata" e l'acqua salata potrebbe irritare (niente mare e sole per almeno quindici giorni).

Le conseguenze, se non si fa attenzione alle regole base, possono essere fastidiose, con il rischio di rendere il proprio tesoro opaco: potete alterare il disegno, oltre a prendervi una bella scottatura. Passati i quindici giorni, dopo la guarigione, è meglio utilizzare una crema solare (fattore di protezione 50+ o totale) che protegga la pelle e il lavoro del tatuatore. Solitamente sono gli stessi tatuatori a consigliare un prodotto efficace. Bisogna applicare la crema più volte nel corso della giornata, soprattutto se siamo in spaggia, ed entriamo e usciamo continuamente dall'acqua.

Via | Madmoizelle
Foto | Facebook

  • shares
  • Mail