Una Barbie tumefatta contro la violenza sulle donne

Barbie tumefatta, piena di lividi e mortificata dalle mani di un uomo, che forse dicendole che l’amava l’ha picchiata a sangue.

barbie-tumefatta.jpg

Una Barbie con un occhio livido e il volto tumefatto. È questa l’immagine choc proposta dall’artista Lady Be nella sua opera l'opera "Beaten Barbie - Mai più violenza sulle donne", in mostra alla Triennale dell'Arte Contemporanea di Verona fino a domenica. Barbie è da sempre l’immagine della donna oggetto. Sono in molti a essersi divisi sul ruolo pedagogico di questa bambola che da sempre insegna alle bambine a puntare più sul suo aspetto fisico che sul cervello.

Sull’opera di Lady Be compaiono molti volti, a voler simboleggiare le numerose donne costrette a subire ogni giorno violenza, visi pieni di ematomi, cicatrici, cerotti con labbra gonfie e sanguinanti. Altri elementi che compaiono, sono proprio i pugni e le mani degli uomini, strumenti di violenza. Quello che ci sorprende è la scelta di Barbie… le donne che vengono maltrattate e abusate, però, sono donne normali, spesso che vivono nell’ombra.

  • shares
  • Mail