Usa: la nazionale di calcio femminile vince il mondiale ma fa causa alla Federazione

Il mondiale di calcio femminile Francia 2019 è stato vinto dalle americane che hanno battuto l'Olanda 2-0. Riprende però la battaglia per avere degli stipendi come quelli dei colleghi uomini.

nazionale di calcio femminile vince il mondiale

In queste settimane abbiamo parlato tanto di calcio femminile, le azzurre sono state sconfitte ai quarti di finale dall’Olanda ma hanno dimostrato di avere talento e tutte le intenzioni di migliorarsi per i prossimi appuntamenti. La finale mondiale di Francia 2019 è stata vinta dalle americane, sono loro le campionesse del mondo e devo dire che lo sono meritatamente, hanno battuto proprio l’Olanda con un sonoro 2-0. Nonostante in America il calcio femminile sia una realtà consolidata, le atlete continuano a fare i conti con stipendi molto inferiori rispetto a quelli dei colleghi uomini, e considerate che negli Stati Uniti il calcio femminile è molto più quotato di quello maschile. Avete mai sentito di calciatori americani o della squadra USA di calcio maschile? No, e ci sarà un motivo…

Le ragazze del team USA hanno conquistato il titolo mondiale per la quarta volta, e la seconda volta consecutiva, un traguardo incredibile. Nelle otto edizioni dei Mondiali di calcio femminili, le americane hanno alzato la coppa per quattro volte: nel 1991, nel 1999, nel 2015 e nel 2019. Nonostante i successi le ragazze si trovano a combattere duramente per i propri diritti, in occasione della premiazione allo stadio di Lione in coro hanno urlato: “equal pay, equal pay”.

Già lo scorso marzo la nazionale di calcio femminile ha fatto causa alla federazione americana con l’accusa di discriminazione di genere e hanno ragione perché è assurdo avere una differenza di stipendi al limite del ridicolo. Il problema non interessa solo gli Stati Uniti ma tutto il movimento del calcio femminile, per il mondiale maschile del 2018 il montepremi complessivo è stato di 400 milioni di dollari, per il femminile appena concluso appena 30 milioni. La Francia, la squadra maschile che ha vinto il mondiale di Russia 2018, si è portato a casa 38 milioni di dollari, la nazionale femminile 4 milioni di dollari.

Sulla questione è intervento anche Donald Trump che ha dichiarato:

“Ho visto la finale, abbiamo delle grandi giocatrici, per equiparare gli stipendi femminili a quelli maschili bisognerebbe guardare i numeri in generale non solo a quelli del Mondiale. Non conosco i numeri del calcio professionistico, mi piacerebbe conoscerli per poter fare un confronto. Bisognerebbe confrontare le stelle del calcio maschile con quelle del movimento femminile”.

Donald Trump

Trump, che non si smentisce mai, sta ancora ragionando se invitare o meno le calciatrici alla Casa Bianca… e da qui la vignetta ironica dei Simpsons. Fossi al posto loro io non andrei a prescindere.

Noi facciamo i complimenti alla nazionale Usa di calcio femminile, sono bravissime e hanno meritato la vittoria, peccato che tutto debba sempre essere così difficile per le donne. Complimenti alla capitana Megan Rapinoe, Carli Lloyd, Becky Sauerbrunn, Alex Morgan, Hope Solo e a tutta la squadra.

Bellissime anche le parole di Megan Rapinoe alla fine del mondiale:

“Questo è il mio compito per voi. Dobbiamo essere migliori, dobbiamo amare di più e odiare di meno, ascoltare di più e parlare di meno. È una responsabilità di tutti, di ogni singola persona qui presente, di quelli che non ci sono, di quelli che non vogliono esserci. Di quelli che sono d'accordo e di chi non lo è. Dobbiamo rendere il mondo un posto migliore. Questa squadra ha fatto un lavoro incredibile per caricarsi questa responsabilità sulle spalle, per capire il ruolo che aveva in questa società. Sì, siamo delle sportive, delle calciatrici, delle atlete, ma siamo molto più di questo. Anche voi lo siete, siete molto più di semplici tifosi. Non solo appassionati che ci seguono ogni quattro anni. Siete delle persone che ogni giorno escono per strada, impegnate nella vostra comunità. Rendete migliore la vostra comunità? Rendete migliori le persone che vi sono vicino? La vostra famiglia, gli amici stretti, le dieci, venti, cento persone che vi stanno più accanto? È compito di tutti, ci sono state troppe controversie negli ultimi anni: io ne sono stata vittima e artefice. Ci sono stati contrasti con la Federazione, chiedo scusa per alcune cose, ma non per tutte. Ma dobbiamo andare avanti insieme, questo discorso deve progredire. Dobbiamo collaborare tutti insieme, questo è il mio compito per tutti voi. Fate quello che potete, fate quello che dovete, fate un passo verso gli altri. Fate di più, siate migliori, siate più grandi di quanto lo siete stati finora. Questa squadra è uno spaccato di quello che ognuno può essere. Quindi prendeteci ad esempio, ci siamo fatti carico di così tante cose per essere qui, per celebrare questa vittoria insieme con voi, e lo abbiamo fatto col sorriso. Quindi, per favore, fate lo stesso per noi, vi chiedo questo”.

Megan Rapinoe
  • shares
  • Mail