Halloween 2016: le bambole votive giapponesi utilizzate in un Luna Park

A Osaka è tutto pronto per la tetra attrazione di Halloween, ma i produttori delle bambole votive non sono d’accordo con la cattiva immagine che verrà data alle loro opere

La notizia non piace ai giapponesi. Le bambole votive di Awashim Shrine, tempio shintoista a Wakayama, nella prefettura di Osaka, saranno utilizzate come attrazione per Halloween in un Luna Park.

I più arrabbiati sono i produttori di queste bambole, la cui associazione ha addirittura scritto agli Universal Studios Japan dicendo che la loro idea potrebbe danneggiare la loro attività, rendendo le bambole “cattive e paurose”, quando sono invece eccellenti opere d’arte. L’attrazione spettrale organizzata per Halloween, scrivono, darà un’impressione negativa al  grande pubblico, e distrugge anche la cultura tradizionale.

L’attrazione si chiama “Tatari: la maledizione delle bambole viventi” e si trova nel Parco tematico di Osaka, un’attrazione talmente spettrale da essere adatta solo a ragazzi maggiori di 12 anni. All’interno del percorso, i visitatori troveranno un santuario in rovina in cui vivono queste bambole cattive, (il poster promozionale le ritrae con il sangue agli occhi).

Il sangue agli occhi, ma per la rabbia, ce l’hanno i produttori delle bambole, prese in prestito dal santuario Awashima Shrine che ha una collezione enorme donata da persone di tutto il Giappone.  Al momento dal parco giochi non è arrivata nessuna lettera di ritiro delle bambole dall’attrazione, anzi hanno confermato che sarà visitabile fino al 6 novembre.

Ultime notizie su Halloween

Tutto su Halloween →