[blogo-gallery id=”141867″ layout=”photostory”]

Una mostra enorme, per il numero di opere e per la grandezza del tema e dei suoi protagonisti. Si intitola “REVOLUTJA. Da Chagall a Malevich, da Repin a Kandinsky. Capolavori dal Museo di Stato Russo di San Pietroburgo” e sarà allestita presso il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna dal 15 dicembre 2017 al 13 maggio 2018.
In mostra, circa 70 opere d’arte delle Avanguardie russe, appartenenti ad un periodo compreso tra il 1910 e il 1920 che ha visto nascere a un ritmo vertiginoso scuole, associazioni e movimenti d’avanguardia diametralmente opposti l’uno all’altro.

Obbiettivo della mostra, così come hanno spiegato i curatori, è quello di riportare all’attenzione del pubblico nomi di artisti rimasti un po’in penombra, come Repin, Petrov-Vodkin o Kustodiev, a causa dell’enorme successo avuto da altri quali Chagall, Malevich o Kandinsky, che sono tuttavia presenti con le loro opere.
Le opere racconteranno gli stili e le dinamiche di sviluppo di artisti tra cui Nathan Altman, Natalia Goncharova, Kazimir Malevich, Wassily Kandinsky, Marc Chagall, Valentin Serov, Alexandr Rodchenko e molti altri per evidenziare la straordinaria modernità dei movimenti culturali della Russia d’inizio Novecento: dal primitivismo al cubo-futurismo, fino al suprematismo, costruendo contemporaneamente un parallelo cronologico tra l’espressionismo figurativo e il puro astrattismo.
Non solo mostra: numerosi gli eventi culturali collaterali che si svolgeranno nella città di Bologna. La grande mostra rappresenta infatti l’occasione per accendere i riflettori su una città che si presenta per la prima volta come un grande laboratorio in grado di lavorare su un tema comune e affrontarlo da molteplici punti di vista.

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 03-07-2017