Torna libera Sakineh, la donna condannata a morte in Iran per adulterio

La donna iraniana condannata a morte nel 2006 è appena stata rilasciata in seguito ad un'amnistia. La vicenda di Sakineh commosse il mondo nel 2010 quando, a livello internazionale, furono indette molte manifestazioni di protesta per chiedere la sua liberazione.

Sakineh torna libera. La donna iraniana era stata condannata alla pena di morte per lapidazione otto anni fa quando, in seguito all'uccisione del marito, venne dichiarata coinvolta nell'omicidio; a questa pena, poi commutata in dieci anni di prigione, se ne aggiunse un'altra relativa ad un secondo processo per adulterio in cui fu condannata alla pena capitale.

La sua vicenda ebbe grande risonanza a livello internazionale e la mobilitazione popolare fu una delle motivazioni che la salvarono dall'esecuzione. A rendere nota la notizia della sua liberazione a Teheran è il Segretario Generale del Consiglio Superiore iraniano per i diritti umani, Mahamad Javad Larijiani, il quale avrebbe spiegato le motivazioni del rilascio come dovute alla "buona condotta" e ad un atto di misericordia. questa, però, non è la prima volta che Sakineh viene rilaasciata.

Sakineh Mohammadi Ashtiani, an Iranian w

Di Sakineh, 47 anni e madre di due bambini, non si era saputo più nulla dal 2010 quando la giustizia iraniana decise di sospendere la pena per esaminare ulteriormente il suo caso.

Al momento non è chiaro se si tratti di un rilascio definitivo o temporaneo in quanto né la famiglia della donna né Iran Human Rights hanno confermato la notizia; se si trattasse della liberazione tanto sperata è chiaro come parte del merito sia attribuibile alla mobilitazione internazionale sul suo caso. La vicenda di Sakineh si concluderebbe con un lieto fine, un ottimo risultato che potrebbe spianare la strada alla risoluzione di tanti altri casi di persone, recluse e torturate, solo perchè impegnate in attività politica.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Fonte | Corriere

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail