Le femministe sono anacronistiche?

Il femminismo è stato una grande movimento storico e gran parte dei diritti che oggi ci dimentichiamo di avere e di essere così importanti sono stati conquistati dalle lotti sociali e civile delle femministe.

Le femministe sono anacronistiche? È una domanda molto complessa cui rispondere. Prima di tutto dobbiamo chiederci che cosa sia il femminismo e sa ha senso nel 2015? La difesa dei diritti femminili e soprattutto la lotta perché si abbiano stessi diritti non possono essere concetti anacronistici, né considerabili fuori moda. È l’interpretazione del femminismo che a volte è un po’ superato.

femminismo

Alcuni slogan sul corpo della donna, alcune posizioni troppo rigide fanno letteralmente a botte con la società contemporanea. Però, se fossi una femminista convinta, oggi avrei un po’ vergogna delle donne, del loro modo di svendersi, di pensare che il corpo sia merce di scambio. Il femminismo ti insegna a essere padrona del tuo corpo, ma ad averne rispetto. Ad affermati non seducendo il capo o un uomo di potere (quindi arrivare a un risultato attraverso un maschio), ma dimostrando quanto vali. E per farlo si è lottato per anni.

Il presupposto è un mercato aperto e libero, è una società che riconosce le donne esattamente come gli uomini. Purtroppo la nostra è ancora una società estremamente maschilista e non condivido le femministe quando cercando di essere uomini. Sono per l’accettazione delle diversità, per il rispetto delle scelte individuali. E soprattutto una donna non dovrebbe mai aver bisogno di essere come un uomo, quindi usare la medesima aggressività o addirittura indossare gli stessi abiti. Impariamo il rispetto di genere, qualunque sia.

  • shares
  • Mail