L'amore è un'illusione: lo dice la scienza

L’amore esiste oppure no? Sono anni che le persone si fanno questa domanda. A rispondere è stata un’antropologa, per nulla romantica.


I cuori solitari probabilmente si sentiranno meglio, avranno una scusa per non cercare disperatamente l’anima gemella e per evitare le complicazioni amorose. Secondo uno studio descritto da Abigail Marsch in un video della American Chemical Society, l’amore è un’illusione. Avete capito bene: non esiste realmente, è solo una reazione chimica del cervello.

Da che cosa dipende? Dall'aumento di dopamina e ossitocina nel cervello. Sembra di essere in una delle prime puntate di Bones, quando la celebre antropologa forense respingeva i suoi sentimenti per il collega dell’ FBI per paura del fallimento. Pensate che lo studio sostiene che cibo, sesso e droghe siano ugualmente stimolanti della formazione di dopamina nel nucleus accumbens.

Lo studio che giunge a questa conclusione è stato elaborato su animali di laboratorio e si basa sul ruolo della dopamina, che fornisce energia, concentrazione e motivazione. E' per questo che quando ci innamoriamo riusciamo a stare in piedi tutta la notte, aspettare l'alba o correre una maratona. E' quanto spiega l'antropologa Helen Fisher secondo il National Geographic. Ciò che spinge a continuare una relazione è il desiderio di rivivere queste sensazioni.

Sicuramente fa parte della nostra natura trovare un partner per riprodursi, ma questa è la dimostrazione che l’amore esiste ed è proprio questo genere di emozione che stimola la produzione di dopamina e ossitocina nel cervello.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail