Ombretti magnetici, cosa sono e come si usano

Bei colori e ottima resa estetica. Ma i nuovi ombretti magnetici hanno anche una dote in più. Si fissano come un prodotto in crema pur essendo in polvere

Li ha inventati MAC Cosmetics con il nome di Spellbinder Shadow, ma l'idea degli ombretti magnetici siamo abbastanza certi che possa conquistare l'intero mercato del make-up, configurandosi come il trucco del futuro.

Il perché è subito detto. Nelle jar vengono infatti inserite polveri caricate magneticamente, il che consente un'applicazione pulitissima e senza sbavature, come se si stesse stendendo un ombretto in crema, ma con la durata tipica della variante polverosa.

Spiega Nicole Masson, vice presidente del settore sviluppo prodotti di MAC:

I pigmenti sono stati caricati magneticamente. Ciò significa che non solo che le polveri si "aggrappano" ad un magnete sul fondo della confezione (in modo che non fuoriesca o si sposti nel contenitore), ma che si fissano anche alle vostre palpebre in modo uniforme

Nicole Masson

I colori disponibili al momento per la gamma Spellbinder Shadow di MAC sono otto satinati, come ad esempio il blu cobalto, il verde oliva o il marrone cioccolato, ma se il progetto avrà successo non è detto che non ci possano essere nuove aggiunte.

Per quanto riguarda l'applicazione di questi particolari ombretti, a darci qualche nozione utile è Gregory Arlt, direttore creativo di MAC:

(Gli Spellbinder Shadow) sono pensati per essere indossati come copertura totale, vista la particolare scrivenza. Se avete bisogno di un trucco da giorno o da lavoro, potete provare a usarli bagnati come eyeliner o lungo la rima cigliare inferiore per un leggero tocco di colore. Per tutti gli altri casi vi consigliamo di stendere sulle palpebre un primer prima dell'applicazione

Gregory Arlt

Ombretti magnetici mac

Foto | da Pinterest di Jacques Dehu

  • shares
  • Mail