Come corteggiare: 4 regole da mandare in pensione

Ecco alcune “regole sugli appuntamenti” che sarebbe proprio il caso di mandare in pensione.

Nel mondo moderno, alcune regole sugli appuntamenti dovrebbero decisamente essere mandate in pensione, o finire del cestino dei rifiuti. Qualche esempio? La regola secondo cui l’uomo dovrebbe sempre pagare per la donna. Per quale motivo dovrebbe funzionare così?

Insomma, certe regole sono davvero obsolete e anche un po’ incomprensibili nel 2017, e se vi state chiedendo di quali regole stiamo parlando … ecco una piccola lista qui sotto:



  1. L’uomo deve fare la prima mossa: in fondo sappiamo che è sbagliato, ma questo non ci impedisce di sentirci come se dovessimo aspettare che il ragazzo prenda il comando della situazione. Pensare che l’uomo debba necessariamente fare la prima mossa implica che Lui sia in una posizione dominante rispetto alla donna, e noi non pensiamo affatto che sia così.

  2. L’uomo dovrebbe sempre pagare: questo poteva avere un senso quando le donne erano segregate in casa e non potevano lavorare, ma oggi per quale motivo molte donne continuano a pensare che sia sempre l’uomo a dover pagare?

  3. Non bisogna aspettare troppo a lungo prima di fare l’amore con il partner: questa regola va cestinata insieme alle altre, e in particolar modo insieme a quella secondo cui bisogna aspettare almeno il terzo appuntamento prima di fare il “passo successivo”. Non c‘è un tempo prestabilito per poter fare l’amore con una persona. Insieme capirete quando sarà arrivato il momento giusto.

  4. Meglio evitare di chiedere “A che punto siamo?”: dove sta scritto che se facciamo il punto della situazione, allora siamo delle ragazze appiccicose? Voler sapere 'a che punto siamo' è più che lecito. Certo, non chiedetelo dopo il secondo appuntamento, ma se vi frequentate già da qualche mese e non sapete ancora se siete o no impegnate con una persona, sarà più che logico chiedere cosa ne pensa del vostro rapporto, non vi pare?


via | Elle

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail