A Pitti Uomo 86, per la primavera estate 2015, Lardini propone il gessato in versione “easy chic”, dove la tradizione sartoriale della lavorazione intelata ritrova nuova linfa con l’uso e l’accostamento insolito dei colori come blu/giallo, prugna/rosso vivo, rosso/bianco, applicati a tessuti di pregio quali lana/mohair e seta.

L’eleganza è il motivo ispiratore dello stile coloniale che Lardini declina nella versione “urban”: colori naturali e tenui, come il beige e le gradazioni di marrone, si accostano a tinte forti; i cotoni e lini leggeri – prodotti in esclusiva per l’azienda marchigiana – si mescolano a trame grosse. Il risultato è un look chic, fresco e versatile.

SCOPRI QUI TUTTE LE NOVITA’ DI PITTI UOMO 86

Le proposte tinto capo, in cotone e in lino, si rinnovano nei colori pastello trattati a pigmento che, proprio della maglieria, dona un allure casual con un effetto délavé; o si arricchiscono di stampe cachemire volutamente usurate. La Collezione propone il denim look in chiave inconsueta creato dalle gradazioni del blue. Si opta per l’uso di cotoni e lini, non indaco, dai disegni jacquard, fantasie check e righe dal gusto preppy. Il blu è declinato in tutte le sue gradazioni e usato per la giacca, il chinos, la maglieria e la camiceria.

Se la tendenza è vestirsi giocando con i diversi toni del blu, a cui Lardini aggiunge pois, righe e disegni esclusivi, a regalare un tocco di luce è l’accostamento con il bianco con cui sono realizzate le camicie in seta e lino e le polo in finissimo cotone. E il bianco in tutte le sue infinite sfaccettature diventa il colore. La maglia si evolve in giacca coniugando il comfort al look di un capospalla.

I filati lasciano ampio spazio alla creazione di giacche monopetto, doppiopetto, revers a specchio e sciallati con disegni jacquard, punti a costa inglese e filati denim. Il mood Archivio – la rilettura in chiave moderna di disegni e coloriture passate, attualizzati da pesi e filati – si arricchisce con la lavorazione crochet realizzata a mano con telai antichi; e il blazer, con tessuti ammagliati, prende ispirazione dagli Archivi di punti maglia.

La cerimonia Lardini è glamour. La collezione si anima di forti contrasti tra giacca e gilet come giacca in tinta unita e il gilet floreale, i revers sciallati si allargano, i tessuti sono preziosi. La giacca si tramuta in una dinner jacket, versatile e ultra chic.

Il video LARDINI proiettato in questi giorni di Pitti allo stand racconta un viaggio fatto di piccoli gesti capaci di dar vita ad un mondo irreale ma non così troppo distante dalla vita quotidiana. Un’immersione in un immaginario disegnato in modo semplice, fatto di linee essenziali ma incisive. Strade asfaltate, ferrovie su cui si muovono i mezzi utilizzati per il viaggio, pioggia e case coloniali fanno da sfondo a questo mondo. Grazie alla tecnica del green screen e alle illustrazioni di Andrea Tarella, il modello Tiago Lobo “indossa la collezione ss 2015” si muove all’interno di questo mondo con disinvoltura creando giochi divertenti e reazioni improvvise.

VIDEO Lardini men’s collection Spring Summer 2015 Preview

SEGUITE IL LIVE BLOGGING DAL PITTI UOMO 86 SU TWITTER, FACEBOOK, TUMBLR E INSTAGRAM

LEGGI ANCHE

Pitti Uomo giugno 2014: il lancio della nuova collezione Z Zegna, disegnata da Murray Scallon e Paul Surridge

Pitti Uomo giugno 2014: La Perla presenta la collezione maschile primavera estate 2015 con un fashion show

Pitti Uomo Giugno 2014: il “Gucci Museo Open Day”, Gucci celebra gli oltre 90 anni di storia che legano la Maison a Firenze

Pitti Uomo giugno 2014: la mostra Equilibrium di Salvatore Ferragamo per Firenze Hometown of Fashion

Pitti Uomo giugno 2014: Emilio Pucci presenta l’installazione artistica “Monumental Pucci”

Pitti Uomo giugno 2014: Ermanno Scervino presenta The White Renaissance

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 18-06-2014