Bally annuncia il suo ultimo progetto “Coming Down” in collaborazione con il noto filmaker Francesco Carrozzini e i Singtank, band formata da Joséphine e Alexandre de le Baume. “Più che la storia, quello che emerge è una sensazione” dichiara Francesco Carrozzini.

Il film s’ispira ad un’intervista di Brigitte Bardot, icona cinematografica della Nouvelle Vague, sulla rappresentazione delle donne nei film e nel cinema italiano degli anni ‘60. Interpretando un’attrice nella sua abitazione di Los Angeles, durante una delle abituali e infinite interviste telefoniche, Joséphine de la Baume immortala perfettamente i sentimenti complessi e simultanei di successo e insofferenza che spesso affliggono le celebrities.

Abbiamo voluto mostrare una donna elegante moderna, senza tempo; la donna Bally, impersonificata da Joséphine” precisa Frédéric de Narp, CEO di Bally. Mentre il dialogo e l’arredamento potrebbero facilmente essere di oltre 50 anni fa, il contesto e la situazione possono invece avere luogo esattamente anche oggi. Inoltre, il film è un omaggio al design modernista americano che si trova nella Harpel House, costruita dall’architetto John Lautner nel 1956, il quale ha progettato e realizzato alcune delle proprietà più note e tipiche dell’architettura della West Coast della metà del XX secolo.

La musica che accompagna il video è Coming Down, canzone eterea tratta dall’ultimo album dei Singtank, Ceremonies, recentemente pubblicato dalla loro etichetta, la Warner/Parlophone. Il film è una chiara espressione della rinnovata estetica di Bally e dei valori condivisi con il design modernista. Nel video è presentata la collezione PE15, nella quale si distingue la Sommet Fold, borsa iconica della stagione.

Il cortometraggio è un omaggio al retaggio modernista di Bally” afferma Frédéric de Narp. La passione di Bally per il design modernista risale alle origini del Movimento. Entrambi i flagship store di Bally a Parigi e la filiale storica di Lione sono stati infatti progettati da Robert Mallet-Stevens (fondatore dell’Unione Francese Artisti Moderni), rispettivamente nel 1929 e nel 1934. Bally ha continuato il proprio sostegno al Modernismo per tutto il XX secolo e il suo tributo più attuale è rappresentato dal flagship store di Londra, da poco riaperto in New Bond Street, ristrutturato dal famoso architetto David Chipperfield.

Bally ha anche recentemente acquisito una collezione di mobili modernisti e un pezzo molto raro, una casa scomponibile 6×9, realizzata da Jean Prouvé. Questa collezione è stata presentata in occasione di mostre uniche insieme ad altre opere d’arte, commissionate esclusivamente ad artisti emergenti contemporanei, durante Art Basel e Art Basel Miami nel 2014, grazie al progetto itinerante ‘Function and Modernity’, che durerà un intero anno e la cui prossima tappa sarà in Cina a marzo, durante il Design Shanghai.

VIDEO Coming Down by Francesco Carrozzini starring Singtank’s Joséphine and Alexandre de la Baume

FOTO GALLERY

Bally Coming Down video: il corto di Francesco Carrozzini, protagonisti i Singtank, le foto del backstage

Bally Coming Down video: il corto di Francesco Carrozzini, protagonisti i Singtank, le foto del backstage


LEGGI ANCHE

Bally campagna pubblicitaria primavera estate 2015: Putting life back into style, le foto

Bally Londra: il party per l’apertura della nuova boutique con Benedict Cumberbatch, Lupita Nyong’o e Luke Evans

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Gossip Leggi tutto