Paolo Ulian il marmo ce l’ha nel dna, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Carrara e si diploma in disegno industriale a Milano. Lavora con Enzo Mari per diversi anni (e si vede). Moreno Ratti nasce a Carrara come Ulian e si laurea alla facoltà di architettura a Firenze. Non c’è da stupirsi che una collaborazione fra i due, avrebbe avuto come unico protagonista il marmo.

La marmetta è uno dei rivestimenti più comuni nel campo dell’edilizia, principalmente in marmo o altre pietre, può avere dimensioni variabili anche se la più comune rimane quella 40×40 cm. Da questo parte il concept dei designers Paolo Ulian e Moreno Ratti, che hanno ideato la collezione 40×40 per recuperare tutte quelle partite di piastrelle non utilizzate nel mercato a causa del colore sbagliato, di venature troppo pronunciate o semplicemente piccoli difetti.

Paolo Ulian e Moreno Ratti

Sette pezzi in totale, tutti ottenuti con lo stesso procedimento: le lastre 40×40 sono tagliate con un potente e preciso getto d’acqua per ottenere le forme che comporranno vasi e porta oggetti, i pezzi vengono poi rifiniti da un artigiano ed assemblati. Un processo che non solo recupera materiale, ma che non produce alcun tipo di rifiuto. Un modo creativo ed originale per dare nuova vita ad interi pacchi di marmette abbandonati nelle fabbriche e difficili da vendere.

Paolo Ulian e Moreno Ratti

Paolo Ulian e Moreno Ratti

[blogo-gallery id=”157060″ photo=”1-5″ layout=”slider”]
Foto | Moreno Ratti

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 11-10-2014