Ha sfilato sulle passerelle di Milano Moda Uomo la collezione maschile primavera estate 2016 di Giorgio Armani, pervasa da un senso di serenità, da un’eleganza rilassata e silenziosa che dà vita a una silhouette soft, quasi liquida. Una forma di delicatezza che va in direzione opposta rispetto all’esibizione aggressiva di oggi.

Special guest alla sfilata: Robert De Niro, Ferzan Ozpetek, Luca Guadagnino, Alessandro Cattelan, Alex Infascinelli, Russel Westbrook e Antonio Scurati.

Il risultato è una serie di capi artigianali e preziosi contraddistinti da una grande precisione della fattura e da un gusto cosmopolita e disinibito: un mélange sofisticato di segni, trame e texture che prende vita grazie a una palette cromatica inedita e vibrante. Dove scorrono nuances color carne, azzurri nuvola desaturati, grigi sfumati che cedono il passo a toni mauve, concludendo in un’armonia di sete lavate color glicine, intervallate ritmicamente dal blu inchiostro.

Fondamentali come sempre nella moda di giorgio armani sono i tessuti, frutto di una ricerca capillare che porta nella collezione superfici svuotate e seriche alternate a lane con disegni check dal classico sapore inglese, ma attualizzate da lavorazioni che rendono la superficie screziata e décontracté.

Gli accessori, accento del momento, sono stati realizzati utilizzando tecniche artigianali complesse per recuperare esperienze tipiche del made in italy, abbinandole a un design contemporaneo. Perché la moda d’autore declina il pensiero di uno spirito libero che respinge le finte regole delle esigenze mediatiche.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Lifestyle Leggi tutto