Il 16 gennaio è arrivato. Tanti gli interrogativi per affrontare quello che è stato definito il Blue Monday, il giorno più triste dell’anno.

Un risveglio non sereno e qualche sbalzo di umore “verso il basso”? Non preoccupatevi, se oggi 16 gennaio 2023 vi siete svegliati così è tutta colpa del Blue Monday, il giorno più triste dell’anno. Infatti, il terzo lunedì del primo mese di ogni anno è stato “certificato” come il momento “no” per eccellenza.

Ma di cosa si tratta e da dove ha origine questa giornata davvero particolare? Andiamolo a scoprire.

Blue Monday, il giorno più triste dell’anno: cosa è

blue monday giorno più triste dell'anno
triste

Le origini del Blue Monday risalgono al 2005, in Gran Bretagna, quando Cliff Arnall, (divulgatore scientifico e psicologo presso l’Università di Cardiff), disse di aver trovato la formula perfetta per analizzare la tendenza dei clienti delle compagnie e delle agenzie di vacanze nel prenotare un viaggio.

L’uomo aveva pubblicato un articolo su diverse riviste tra cui il Guardian nel quale spiegava di aver trovato una disequazione in grado di analizzare diversi fattori tra cui la distanza dal Natale, il fallimento dei propositi di inizio anno e l’incapacità di far fronte al meteo o altre situazioni avverse.

In tale ottica venne stabilito quindi che il terzo lunedì del primo mese di ogni anno fosse il giorno più triste. In questo 2023, ricade appunto oggi 16 gennaio.

La teoria è stata messa fin da subito sotto accusa dalla comunità scientifica e da diversi neuroscienziati, ma comunque col passare del tempo venne sfruttata per diverse pubblicità e campagne marketing ad hoc.

In tanti hanno ipotizzato che sarebbe stata la stessa agenzia pubblicitaria che ha acquisito tale teoria, la Porter Novelli, ad aver creato il tutto a tavolino.

Come stare meglio

Una volta stabilito, credendo a questo Blue Monday o meno, di essere davanti al giorno più triste dell’anno, come poter intervenire per affrontarlo?

Prima di tutto cercando di svegliarsi a prescindere col sorriso e fissandosi un buon proposito facile da mettere in pratica per sentirsi soddisfatti.

A livello commerciale, tante aziende offrono pure sconti su prodotti per far sentire meglio le persone e, ovviamente, incentivarne acquisti vari.

La soluzione a questa giornata, in realtà, è molto soggettiva e, se qualcuno si sente davvero così triste in questo periodo può pensare di intervenire con sostegno psicologico (anche ben prima dell’arrivo del fatidico terzo lunedì del primo mese).

Riproduzione riservata © 2023 - PB

ultimo aggiornamento: 16-01-2023