Il Parlamento Europeo ha approvato in via definitiva la legislazione che permetterà ai consumatori di utilizzare presto un caricabatterie unico per tutti i loro dispositivi elettronici. L’ANSA ha riportato la notizia in questi minuti.

Caricabatterie unico: quando scatta l’obbligo

La Commissione europea aveva presentato la proposta di direttiva per il caricabatterie unico nei mesi scorsi. Lo scopo di tale situazione era quello di armonizzare i cavi di ricarica su una serie di dispositivi elettronici in vendita nell’Unione europea.

L’obiettivo è quello di tagliare i rifiuti elettronici e di tutelare anche i consumatori alle prese con sistemi di alimentazione differenti e ben presto obsoleti.

Oggi, la notizia della svolta. Il Parlamento Europeo ha approvato la legislazione che permetterà ai consumatori di utilizzare presto un unico caricatore per tutti i loro dispositivi elettronici.

Entro la fine del 2024, tutti i telefoni cellulari, i tablet e le fotocamere nell’Ue dovranno essere dotati di una porta di ricarica USB-C. Dalla primavera 2026, l’obbligo si estenderà ai computer portatili.

La nuova legge fa parte di un più ampio sforzo volto a ridurre i rifiuti elettronici e a consentire ai consumatori di compiere scelte più sostenibili. Il testo legislativo è stato approvato con 602 voti favorevoli, 13 contrari e 8 astensioni. 

PARLARE AL VIVAVOCE NON E’ SICURO COME SI PENSA: LO STUDIO

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 04-10-2022