A quale età sarebbe meglio regalare un telefono ai propri figli? Esiste il momento giusto oppure no? Vediamo cosa dicono gli esperti.

State pensando alle vostre idee regalo per Natale e volete provare a comprare un telefono ai vostri figli? Avete pensato che potrebbe essere il momento giusto per farlo ma avete dei dubbi? Vediamo, allora, cosa dicono gli esperti su questo tema e se esiste un’età precisa per mettere in mano ai vostri ragazzi un cellulare.

Comprare un telefono ai figli: esiste l’età giusta?

comprare telefono ai figli
bambina telefono

L’Italia è il terzo Paese al mondo per numero di telefonini e l’età media dei possessori sta diminuendo sempre di più. Questo non vuol dire che, siccome la massa lo fa, anche noi dobbiamo adeguarci. Ad ogni modo, per tranquillizzare mamme e papà, non esiste un’età precisa per comprare un telefono ai figli.

Eppure, è bene sentire il parere degli esperti. A Today, il prof. Rino Agostiniani, tesoriere della Società Italiana di Pediatria, ha dato qualche dritta sull’argomento.

“In un mondo dove i bambini stanno ‘crescendo digitali’ i genitori giocano un ruolo fondamentale nell’insegnare loro come usare la tecnologia in modo sicuro”, ha spiegato l’esperto. “E pertanto dovrebbero dare il buon esempio, limitando l’utilizzo dei media device perché i bambini sono grandi imitatori. Le interazioni volontarie tra bambino e genitore rimangono sempre la migliore strategia per una crescita sana”.

Ecco perché, a proposito dei genitori che danno il proprio telefono ai figli per vedere cartoni animati o altro, il professore è chiaro: “Le famiglie non devono usare i DM come pacificatori perché́ questo limiterà̀ il bambino nel controllo delle sue emozioni. È importante porre ai bambini dei limiti e trovare dei modi alternativi per intrattenerli e calmarli […]”.

E sull’età nella quale poter comprare loro il primo telefono: “Non esiste un’età giusta. Il progresso tecnologico ha comportato un aumento dell’utilizzo di strumenti digitali di diffusione (televisione e filmati) e di interazione (social network e videogiochi), dai bambini agli adulti. Oggi persino i bambini in età prescolare crescono in un ambiente pervaso da internet, computer e smartphone, i quali con molta forza catturano la loro attenzione. Nessuna criminalizzazione, dunque, delle tecnologie digitali, ma come pediatri che hanno a cuore la salute psicofisica dei bambini non possiamo trascurare i rischi documentati di un’esposizione precoce e prolungata a smartphone e tablet”.

Ecco perché – conclude il professore – “raccomandiamo ai genitori di mantenere sempre una comunicazione efficace con i propri figli, perchè una buona relazione contribuisce a favorire un corretto uso delle tecnologie digitali. […]”.

Riproduzione riservata © 2023 - PB

ultimo aggiornamento: 11-12-2022