Stai camminando per strada, è sera e la via è praticamente deserta. Mentre affretti il passo senti un rumore alle tue spalle, ti giri di soprassalto. Nella maggior parte dei casi si tratterà di un gatto o di un cane, ma se alle tue spalle ci fosse un aggressore, come ti difenderesti? Parliamo oggi di difesa personale, due paroline che insieme significano davvero molto, moltissimo.

La situazione che abbiamo appena descritto può capitare a chiunque, donne e uomini indistintamente. Come ti difenderesti dall’attacco di un malintenzionato? Cosa faresti per attirare l’attenzione degli eventuali passanti? Dove colpiresti il tuo assalitore?

Bisogna sapere come rispondere a queste domande. Quando si parla di difesa personale femminile non possiamo improvvisare. Per aiutarti a proteggere la tua incolumità, vogliamo segnalarti una serie di consigli che dovresti tenere sempre bene a mente. Magari non serviranno mai, perché non subirai un’aggressione, ma come si suol dire, meglio non farsi cogliere impreparati, giusto?

Difesa personale, i consigli da tenere a mente

Difesa personale aggressione

  1. Linguaggio del corpo: in primo luogo, pensa al tuo linguaggio del corpo e al modo migliore per apparire sicuri di sé. Cammina con le spalle dritte e la testa alta, mostra sicurezza e non farti identificare come una persona fragile. Osserva bene l’ambiente circostante, evita di tenere gli occhi incollati sul cellulare, ma guarda bene intorno a te per accertarti di non correre alcun pericolo.
  2. Segui il tuo istinto: se senti di dover accelerare il passo perché – magari – ti senti osservata o una persona si sta avvicinando in maniera inquietante a te, accelera. In certe situazioni, seguire l’istinto può salvarci la vita.
  3. Impara a usare la tua voce: se sei vittima di un’aggressione o di una molestia, alza la voce e chiama aiuto. In questo modo attirerai l’attenzione su ciò che sta accadendo e spaventerai il tuo aggressore, che potrebbe quindi scegliere di fuggire.
  4. Segui un corso di autodifesa: questo genere di corsi sono davvero di vitale importanza. Purtroppo spesso uomini e donne scelgono di seguirli dopo aver subito un’aggressione, ma tu puoi giocare d’anticipo. In questo modo potresti fare nuove amicizie, svolgerai un’attività stimolante e potrai scoprire come fare a difenderti in caso di necessità. In particolar modo, ti spiegheranno quali sono i punti da colpire per far male all’aggressore e salvarti la vita, ovvero occhi, orecchie, testa, naso, gola, inguine e ginocchia. Un pugno o un calcio sferrati nel punto giusto, potrebbero davvero fare la differenza.
  5. Porta sempre con te uno strumento di autodifesa: potrebbe trattarsi di uno spray al peperoncino ad esempio, da utilizzare contro un eventuale aggressore nei momenti più critici. In commercio sono disponibili moltissimi tipi di strumenti legali per la difesa personale, dai più piccoli e tascabili a quelli professionali. Scegli quello più adatto alle tue esigenze e tienilo a portata di mano quando è necessario.

Cerca di seguire questi consigli per sentirti al sicuro, e ricorda di non abbassare mai la guardia quando ti trovi da sola. L’istinto, la lucidità e la prontezza di riflessi sono davvero determinanti, non dimenticarlo!

Foto da Pixabay

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Attualità Leggi tutto